AGI – “Io sono sempre stato a favore della piena libertà dell’informazione ma non si possono pubblicare delle frasi di una chat privata che non hanno alcun valore giudiziario…”. Lo sfogo di uno dei ‘big’ di Fratelli d’Italia è lo specchio dell’intenzione di imprimere una ‘stretta’. Venerdì mattina è stato il sottosegretario alla Giustizia Delmastro ad annunciare alcune misure allo studio. “Bisogna intervenire da una parte con l’ispettorato generale per verificare che non vi siano fuoriuscite di notizie dalle Procure stesse, dall’altra parte con una norma più stringente. E poi lo dico onestamente, sì, anche sui giornali”, ha spiegato.

Con una premessa: “Ci rendiamo conto che bisogna agire con la massima prudenza rispetto ad un diritto che è il diritto di cronaca“. L’obiettivo è colpire, prevedendo sanzioni ad hoc, chi pubblica intercettazioni ‘irrilevanti’. Nessun intervento sullo strumento d’indagine, ma lo scopo è limitare gli abusi, eliminare gli ‘ascolti’ che rientrano nella sfera del ‘gossip’, rendere la pubblicazione un illecito civile. Al momento non c’è un disegno di legge ad hoc ed è prevedibile un dibattito (acceso) anche nella maggioranza.

Nell’ottobre del 2011 l’allora commissione Giustizia alla Camera diede parere favorevole a due emendamenti del Pdl che da una parte prevedevano il carcere per i giornalisti e vietavano la pubblicazione delle intercettazioni fino alla cosiddetta udienza filtro. “E – ricorda un deputato del centrodestra – l’allora relatrice del testo si dimise”.

Era la leghista Bongiorno che allora militava nelle fila di Fli. L’esecutivo in ogni caso punta a salvaguardare la riservatezza delle conversazioni che non hanno alcuna attinenza con le inchieste. “Io credo che si debba conciliare il diritto dell’informazione con quello della privacy e della possibilità di una persona di difendersi senza dover essere messa alla gogna”, osserva il capogruppo alla Camera di Fdi, Foti. Una linea portata avanti anche dal Guardasigilli Nordio che nella relazione al Senato e alla Camera ha ribadito la necessità di porre fine alle storture sulle intercettazioni.

Restano sensibilità diverse nel centrodestra, pure sul tema dell’abuso d’ufficio con il ministro della Giustizia che vorrebbe un provvedimento radicale mentre Fdi frena. E ‘blinda’ ancora una volta le intercettazioni a tutto campo: “Non priveremo mai i magistrati del maggiore strumento di ricerca della prova nel contrasto alla criminalità organizzata e alle mafie”, assicura lo stesso Delmastro. “È innegabile che le intercettazioni sono indispensabili”, il parere della leghista Bongiorno.

“Siamo dalla parte di Nordio con forza, ne sosteniamo le idee e le linee programmatiche che tradurremo, nero su bianco, in proposte di legge”, annuncia Costa di Azione. Il terzo Polo si schiera con Nordio, le altre forze dell’opposizione lo attaccano. “Parole in libertà”, sostiene il dem Provenzano (ma il governatore della Campania De Luca lo difende); “chi sterilizza le intercettazioni ha qualcosa da nascondere”, la posizione del M5s; “Il ministro della Giustizia legittima la convivenza tra mafia e Stato”, rincara la dose De Magistris. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi

× Contattaci subito