AGI – Uno squillo di tromba e i bersaglieri sull’attenti. Comincia così l’ultimo saluto alla diva del cinema italiano. Gina Lollobrigida nell’immaginario di tutti sarà sempre la “Bersagliera“, da quel nomignolo che una serie di film con Vittorio de Sica le ha attribuito.

E i bersaglieri veri le hanno reso omaggio ponendo un cappello con le piume sul feretro e con un picchetto d’onore in piazza del Popolo, davanti alla chiesa degli Artisti, dove si sono celebrate le esequie.

All’esterno una folla di curiosi e persone semplici che hanno voluto portare l’ultimo saluto alla Lollo nazionale. C’erano anche tanti esponenti del mondo dello spettacolo e non solo. Ad attenderla il sindaco di Subiaco, la manager Tiziana Rocca, Mara Venier, Daniel McVicar, Giulio Base, Barbara Bouchet, l’avvocato Ingroia, l’ex marito Xavier Rigau. Prima del rito funebre anche la premier Giorgia Meloni le ha reso l’estremo saluto. 

“Rappresenta il simbolo di un’eccellenza, della cultura italiana e di una grande intraprendenza. Di una grande capacità, soprattutto per l’Italia del dopoguerra, di reinventarsi di scalare ogni tipo di entusiasmo, di una forza d’animo di una donna che arrivava da un piccolo comune e si è trovata a diventare una delle più grandi dive di Hollywood, recitando in un’altra lingua e farsi amare fuori dai confini nazionali più di quanto ci rendiamo conto”.

C’era anche il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida, nipote dell’attrice. “L’ultimo ricordo è legato al suo compleanno a Subiaco dove il sindaco le ha consegnato le chiavi della città. – ha detto – Era ancora lucida, forte, capace di rappresentare quello che per tutta la vita ha rappresentato come attrice, scultrice, fotografa eccezionale, ovvero la capacità delle donne italiane di affermarsi partendo da poco. Il mio paese non è molto grande, quindi partire da lì dopo la seconda guerra mondiale, andare negli Stati Uniti, affermarsi sul mercato internazionale era un’impresa impossibile, tranne che per Gina Lollobrigida”.

E dietro un paio di occhiali scuri si protegge l’ex marito Francisco Javier Rigau. “L’ho amata profondamente e ho ricevuto da lei più di quello che ho dato”. Ha detto arrivando alla Chiesa degli Artisti.   

 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi

× Contattaci subito