AGi – Il Consiglio direttivo della Bce ritiene che i tassi di interesse “debbano ancora aumentare in misura significativa a un ritmo costante per raggiungere livelli sufficientemente restrittivi da assicurare un ritorno tempestivo dell’inflazione all’obiettivo del 2 per cento nel medio termine”. Lo scrive la Banca centrale nel Bollettino economico, sottolineando che “mantenere i tassi di interesse su livelli restrittivi, nel tempo, farà diminuire l’inflazione frenando la domanda e metterà inoltre al riparo dal rischio di un persistente incremento delle aspettative di inflazione“.

Our bank lending survey points to a deceleration of growth in loans to euro area firms and people for house purchases in the coming months. The survey gives us useful information for predicting future loan growth https://t.co/A8J7MALa0l #EconomicBulletin pic.twitter.com/tUtJxwYrhZ

— European Central Bank (@ecb)
January 12, 2023

Inflazione rivista al rialzo

In un contesto di eccezionale incertezza, “gli esperti dell’Eurosistema hanno rivisto significativamente al rialzo le proiezioni sull’inflazione, che si collocherebbe, in media, all’8,4 per cento nel 2022 per poi scendere al 6,3 per cento nel 2023 e registrare una marcata riduzione in corso d’anno”. Secondo le proiezioni, “l’inflazione dovrebbe segnare, in media, il 3,4 per cento nel 2024 e il 2,3 per cento nel 2025, mentre l’inflazione al netto della componente energetica e alimentare dovrebbe collocarsi, in media, al 3,9 per cento nel 2022, per poi salire al 4,2 per cento nel 2023 e quindi scendere al 2,8 per cento nel 2024 e al 2,4 nel 2025”.

Rispetto alle proiezioni dello scorso settembre, sottolinea la Bce, “l’inflazione complessiva è stata oggetto di una revisione al rialzo considerevole per il 2022, il 2023 e il 2024 (rispettivamente pari a 0,3, 0,8 e 1,1 punti percentuali) riflettendo dati recenti non corrispondenti alle attese, una rivalutazione dell’intensità e della persistenza delle pressioni inflazionistiche e della loro trasmissione, la più vigorosa dinamica salariale e i rincari delle materie prime alimentari”.

Crescita debole nell’eurozona

“Le prospettive per l’area dell’euro si sono lievemente deteriorate e segnalano una crescita più debole e un’inflazione più elevata e persistente rispetto a quanto annunciato dalle proiezioni macroeconomiche di settembre 2022. Gli esperti si attendono ora una recessione breve e di lieve entità, nell’area dell’euro, al volgere dell’anno”.

“Ci si attende che l’inflazione complessiva diminuisca fino a raggiungere l’obiettivo a medio termine della Bce del 2 per cento nella seconda metà del 2025, mentre l’inflazione misurata sullo Iapc al netto dei beni energetici e alimentari si manterra’ al di sopra di tale livello per l’intero periodo in esame”. Lo rileva la Bce nel bollettino economico.

La guerra in Ucraina

La guerra contro l’Ucraina “continua a rappresentare un significativo rischio al ribasso per l’economia“. Lo scrive la Bce nel consueto Bollettino economico. E sottolinea: “Anche i costi dei beni energetici e alimentari potrebbero rimanere persistentemente più elevati delle attese. Un ulteriore freno alla crescita nell’area dell’euro potrebbe derivare da un eventuale indebolimento dell’economia mondiale superiore alle attese”. La guerra mossa dalla Russia all’Ucraina, si legge ancora, “continua a destabilizzare i mercati delle materie prime energetiche e alimentari e i prezzi dell’energia restano volatili nonostante il calo registrato dopo le proiezioni macroeconomiche degli esperti della Bce di settembre 2022. La guerra fomenta altresì l’incertezza sulla sicurezza alimentare, soprattutto nelle economie emergenti”. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi

× Contattaci subito