AGI – Un tribunale iraniano ha condannato a morte un detenuto per la sua partecipazione alle proteste che stanno scuotendo il Paese, portando a 17 il numero delle condanne all’impiccagione, di cui quattro sono state già eseguite.

Javad Rouhi è stato condannato all’impiccagione per aver “guidato” un gruppo di “rivoltosi” a dicembre nella città settentrionale di Noshahr, in incidenti in cui sono rimaste uccise cinque persone e diversi membri della sicurezza. 

Intanto l’Alto commissario Onu per i diritti umani, Volker Turk, lancia l’accusa: l’Iran “sta usando la pena di morte come arma per punire la popolazione che esercita i suoi diritti di base, come quello di organizzare o partecipare a manifestazioni, e schiacciare il dissenso”.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi

× Contattaci subito