AGI –  La Cina ha revocato le misure di quarantena per chi entra nel Paese e riaperto il confine con Hong Kong, dopo quasi tre anni di linea dura contro il Covid-19, mentre il Paese asiatico affronta la peggiore ondata di contagi dall’inizio della pandemia. La revoca delle misure di quarantena è stata accolta con entusiasmo dai primi viaggiatori che sono sbarcati negli scali cinesi, e giunge con la decisione di declassare la malattia, di cui la Cina non fornisce più quotidianamente i dati dei contagi.

Il capodanno lunare

L’entrata in vigore degli allentamenti alla politica di tolleranza zero verso il virus giunge a pochi giorni dal capodanno lunare, che quest’anno cade il 22 gennaio, e con l’inizio del “chunyun”, ovvero il periodo di circa quaranta giorni durante il quale i cinesi si spostano all’interno del Paese per tornare nelle località di origine, o per andare in vacanza con la famiglia, durante le feste.

L’esodo e il contro-esodo (sono previsti oltre due miliardi di passeggeri sui treni cinesi nel primo capodanno dal 2020 senza restrizioni sanitarie) potrebbero innescare nuove ondate di contagi nel Paese, e le previsioni riflettono una situazione decisamente critica: il gruppo britannico di dati sanitari Airfinity ha stimato, nell’ultimo aggiornamento, che dal primo dicembre scorso ci siano state 35,6 milioni di infezioni nel Paese, e che i decessi siano stati 209mila (contro i poco più di venti annunciati ufficialmente).

L’attuale ondata raggiungerà il picco il 13 gennaio prossimo, con 3,7 milioni di contagi al giorno, mentre il picco di decessi si verificherà dieci giorni più tardi, a quota 25mila al giorno. Rimane invariata la stima di decessi entro la fine di aprile, a quota 1,7 milioni.

#China is calling #covid travel restrictions on its nationals politically motivated – and has warned it may retaliate. Some countries have already set their own measures but an EU-wide decision is expected today. So why are they worried? More with @BBCNews @SallyBundockBBC pic.twitter.com/9tFVYTi1Wn

— Azadeh Moshiri (@Azadeh_Moshiri)
January 4, 2023

La pressione sugli ospedali

 Se a Pechino il picco di contagi di questa ondata sarebbe già stato raggiunto, i ricoveri e le morti raggiungeranno il picco entro le prossime due settimane, mentre su scala nazionale un nuovo picco di contagi è previsto per il 3 marzo prossimo, quando Airfinity stima 4,2 milioni di contagi. La pressione a cui è sottoposto tutto il sistema sanitario e lo stress di obitori e forni crematori che ha fatto seguito agli allentamenti a livello nazionale hanno destato i dubbi della comunità internazionale, a cominciare dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sull’effettiva situazione nel Paese asiatico, in particolare per quanto riguarda i ricoveri, le terapie intensive e i dati dei decessi.

Secondo i dati forniti da Pechino tra i ceppi del virus individuati nel Paese non ci sarebbe, però, il pericolo della diffusione di nuove varianti. Intanto, su Weibo, il social network più utilizzato in Cina, sono stati sospesi 1.120 account, alcuni con milioni di follower, che criticavano gli esperti che hanno sostenuto il rilassamento della linea sul Covid-19 del governo cinese.

La revoca delle restrizioni, avvenuta in contemporanea con l’ondata di contagi nel Paese, ha spinto diversi Paesi, tra cui l’Italia, a imporre il tampone obbligatorio per chi entra nel Paese dalla Cina, destando l’irritazione di Pechino, che ha minacciato contromisure e che dai suoi organi di stampa ha pesantemente criticato le decisioni dei governi che hanno deciso restrizioni ai viaggiatori dalla Cina. Pechino difende la nuova linea adottata dopo le proteste anti-lockdown di fine novembre in molte città cinesi, a cui lo stesso presidente cinese, Xi Jinping, avrebbe fatto indiretto riferimento durante il discorso di fine anno, quando ha accennato alla diversità punti di visita all’interno del Paese, sottolineando la necessità di costruire un consenso.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi

× Contattaci subito