AGI – È arrivata in tarda mattinata in tribunale a Tempio Pausania, in Sardegna, Parvin Tadjk, chiamata come testimone nel processo in cui è imputato il figlio Ciro Grillo, accusato di stupro di gruppo con tre suoi amici. La moglie di Beppe Grillo, garante dei Cinque Stelle, ha attraversato il capannello di cronisti e telecamere senza rilasciare alcuna dichiarazione.

I fatti risalgono alla notte del 16 luglio 2019. Secondo la procura, Silvia (nome di fantasia) giovane italo-norvegese, assistita dall’avvocata Giulia Bongiorno, e la sua amica milanese Roberta (nome di fantasia), assistita dai legali Vinicio Nardo e Fiammetta di Stefano, hanno subito uno stupro nell’abitazione dei Grillo a Porto Cervo, in Costa Smeralda. Gli imputati sono Ciro Grillo, Francesco Corsiglia, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria.

La moglie del garante dei Cinque Stelle quella notte dormiva nell’appartamento accanto: per questo sarà ascoltata in aula. Sul banco dei testimoni anche l’amica Maria Cristina Stasia e la governante della famiglia Grillo, Rosa Marilù Avila Jimenez, che quella notte alloggiavano nello stesso appartamento della mamma di Ciro Grillo.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi