AGI – Oggi si guarda molto a oltreoceano o all’Estremo Oriente per scoprire quali novità cambieranno la nostra vita, ma nella prima metà del secolo scorso era a Berlino che si decideva la storia (e non solo sul fronte tecnologico).

Per dare un’idea, nel 1931 fu alla Internationale Funkausstellung Berlin che il fisico tedesco von Ardenne presentò il Tubo a raggi catodici, quello che sarebbe stato utilizzato per i televisori.

Ed è qui che, nel 1933, i nazisti riuscirono a proporre la prima radio di largo consumo, la Volksempfänger, che durante la fiera vendette 100.000 pezzi. Ed è sempre qui che nel 1963 l’olandese Philips presentò le prime audio cassette compatte, oggi un oggetto da collezionisti.

Ifa Berlino 2022, che si apre ufficialmente il 2 settembre, ma dove già dal 31 agosto le aziende hanno cominciato ad annunciare le loro novità, segna il grande ritorno agli appuntamenti in persona dopo due anni straordinariamente complicati. Un’edizione in cui si dovrà cercare di capire anche quale peso avranno sullo sviluppo e la commercializzazione della tecnologia fattori come la guerra in Ucraina, la crisi dei microchip e l’inflazione galoppante.

Tra le 1.500  aziende che espongono non mancano ovviamente LG, Samsung, Bosh, Electrolux, HUAWEI, Honor, Asus,, HMD, Toshiba, Epson, Panasonic, Jabra e TCL.

Il direttore dell’Ifa, Kai Mangelberger, ha assicurato che l’evento è tornato ai livelli pre-pandemia, con l’80% del quartiere fieristico di Berlino prenotato a fine giugno.
Nei sei giorni della Fiera verranno presentati 821 prodotti nuovi appartenenti a 12 settori diversi. Nell’ultima edizione prima della pandemia erano passati per i padiglioni della Messe quasi 240 mila visitatori e più di  5.300 giornalisti. 

Sono attesi annunci importanti da parte di aziende come LG e Samsung, lanci di prodotto di Lenovo, Huawei, Honor e una valanga di novità su ogni fronte della vita quotidiana: tablet, smartwatch, tv, elettrodomestici, sistemi di sicurezza domotica, audio e video.  

I grandi assenti – come al solito – sono Apple e Google, che preferiscono gestire i loro eventi in proprio e, nonostante il grosso della telefo ia mobile venga presentato al Mobile World Congress di Barcellona, due marchi come Honor – che si è reso indipendente da Huawei da cui ha mutuato l’intera componente tecnologica e parte del management – e Samsung hanno scelto Berlino per annunciare prodotti e filosofia aziendale.

George Zhao dovrebbe annunciare il nuovo ecosistema della casa cinese e Tony Ran, presidente di Honor Europe, cercherà di convincere i consumatori europei a sposare i prodotti Smart Life. Samsung ha presentato la versione rinnovata della piattaforma SmartThings, che offre nuove opportunità di connettività, personalizzazione e sostenibilità, applicabili a tutte le categorie di prodotti della casa con lo smartphone a fare da hub per elettrodomestici e indossabili.

Ma ci saranno anche generatori solari e gli indispensabili accumulatori, termostati e valvole per termosifoni, serrature intelligenti, robot per pulire le piscine, home theater di ogni dimensione, auricolari wireless

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi