AGI – Chi non vorrebbe vivere in albergo? Non è solo un sogno, letterario o romantico in sé dei tempi che furono, quando personaggi alla Oscar Wilde, Ernest Hemingway, Julio Camba, Agatha Christie se lo potevano permettere. Ciò che ha fatto sì che alcune delle pagine più brillanti della storia recente siano state scritte da stanze che di solito sono state di passaggio, ma è anche quel che offrono nella realtà odierna molti hotel alla ricerca di nuove formule di business. Specie in Spagna, dove i soggiorni nel settore alberghiero spagnolo sono diminuiti del 70% a causa della pandemia. E le stanze vanno riempite di nuovo. Costi quel che costi. 

Lo scrive il Paìs, secondo cui alcuni tra gli alberghi hanno recuperato un modello del passato, quando gli hotel facevano parte dell’ecosistema abitativo nazionale e offrivano una soluzione flessibile ai viaggiatori per soggiorni di lunga durata e ai residenti di tutte le classi sociali.

Le catene hanno poi lanciato offerte per le persone che vivono nei loro alloggi a 500 euro al mese. Hanno scommesso sul trattenere i nomadi digitali e i viaggiatori con offerte che hanno reso possibile quella che fino ad allora era una chimera: vivere in un hotel”, riferisce il giornale di Madrid, secondo cui finora s’è però trattato di un “miraggio”. Ma “indipendentemente dal potere d’acquisto dell’inquilino, vivere in un hotel non ripaga. Ma quello l’economico non è l’unico fattore che spiega il cambio di modello”.

Eppure, sottolinea il Paìs, “c’è qualcosa di ambizioso nella vita in hotel. Tutti hanno sempre fantasticato di uscire dalla propria stanza e trovare il letto fatto dietro l’angolo, il lenzuolo con una piega come se fosse la pagina di un libro, incoraggiandoli a riprendere il sonno da dove si erano interrotti. Ma pochi possono permetterselo”, osserva il quotidiano.

Seconda i dati dell’Istituto Nazionale di Statistica, Ine, la tariffa media di per camera supera di poco i 105 euro, facendo costare in media un mese in albergo intorno ai 3.150 euro. Ovvero, quattro volte il costo medio di un affitto in Spagna, stimato a 674 auto al mese.

Perciò non resta che la rievocazione dei tempi che furono, quando “il Palazzo era un punto d’incontro per le classi superiori”, spiega Paloma Garcìa, responsabile del marketing di Westin Palace a Madrid, leggendario hotel di Madrid, che sottolinea: “Prima, comunicare era più complicato; se volevi entrare in una certa cerchia sociale, le persone dovevano sapere dove ti trovavi. E se eri qualcuno, dovevi essere al Palazzo. La nobiltà europea è stata vista nel Neptuno Grill, il ristorante dell’hotel”. Mentre ora le cose sono cambiate“ e “le comunicazioni sono più fluide, essere in contatto è più facile e non è più necessario vivere in questi luoghi per relazionarsi”, riflette García. 

Il modello residenziale è cambiato dopo Airbnb

Tra i cambiamenti che sono avvenuti, ci sono anche quelli che hanno portato sul mercato nuovi soggetti, come Airbnb, ad esempio. “I soggiorni di più di un mese su Airbnb rappresentano un quarto delle prenotazioni su questa piattaforma, secondo i dati dell’azienda. Nuovi progetti come gli aparthotel, con le loro locazioni a breve termine, camere arredate e servizi condivisi, ricreano molti dei vantaggi offerti dagli hotel residenziali una volta. Lo stesso accade con le residenze universitarie e le case di cura, che si concentrano su specifici gruppi sociali”.

insomma, sottolinea il Paìs, “è finita quell’era dell’industria alberghiera in cui i nobili si incontravano nelle sale da tè dei cinque stelle e gli operai appena arrivati ​​in città si infilavano nelle pensioni del centro. Un tempo di cui restano storie e storie” mentre “molte delle celebrità più iconiche del 20° secolo hanno trascorso le loro giornate in un hotel”. Coco Chanel decorò a piacimento la propria stanza al Ritz di Parigi, Oscar Wilde ha concluso i suoi giorni in un hotel della capitale francese, sebbene lo abbia fatto con meno lussi e meno soldi. 

Agatha Christie ha vissuto a cavallo tra i migliori hotel del mondo, cosa che ha registrato nei suoi libri. Lady crime scrisse Murder sull’Orient Express nella stanza 411 del Pera Palace di Istanbul, uno stabilimento con vista sul Corno d’Oro dove riposava la crema europea del raccolto dopo aver percorso il mitico percorso. Julio Camba scrisse le sue ultime colonne nella stanza 383 del Palazzo e Hemingway raccontò al mondo la guerra civile spagnola dalla Florida a Madrid.

In ogni caso, l’hotel in Spagna non ha mai avuto un uso residenziale così marcato come in altri paesi, come gli Stati Uniti. “Quello che era comune è che i membri degli strati più ricchi della società trascorrevano lunghi periodi in hotel, cioè da uno a tre mesi”, dice Carlos Larrinaga, professore di Storia e Istituzioni economiche all’Università di Granada, autore di un libro su turismo e alberghi. “Vivere in un hotel è raro, una rarità”, dice. Eppure, questa rarità ha affascinato gli abitanti di casa per decenni, al punto da creare una leggenda attorno all’eccezione.

Mentre, nel frattempo, il turismo è diventato il settore che contribuisce di più all’economia spagnola, con un totale di 176.000 milioni di euro l’anno, pari al 14,6% del Pil, tant’è che “gli hotel sono di grande importanza economica in Spagna e continuano ad essere fonte di attrazione, interesse e novità, come dimostra il boom alberghiero a Madrid con le recenti aperture di hotel come il Four Seasons e The Edition e i lavori di ristrutturazione del Ritz, il Santo Mauro o il Rosewood Villamagna, tra gli altri”, annota il Paìs.

Anche se sono tuttavia pochi coloro i quali il cui “intero ciclo di vita può svolgersi negli hotel, dalla nascita alla morte”. Nessuno può tuttavia negare che questi luoghi continuano ad esercitare un certo fascino sul pubblico. “Per vivere per sempre una vacanza eterna e rimandare il check out oltre la vita stessa”.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi