AGI. – La Grande barriera corallina australiana settentrionale e centrale ha registrato la più alta quantità di copertura corallina da quando l’Australian Institute of Marine Science (AIMS) ha iniziato a monitorarla 36 anni fa.

Il rapporto di sintesi annuale dell’AIMS sulle condizioni della barriera corallina per il 2021/22 ha mostrato un altro anno di aumento della copertura corallina in gran parte della barriera corallina.

Nelle 87 barriere coralline rappresentative, esaminate tra agosto 2021 e maggio 2022 nell’ambito del programma di monitoraggio a lungo termine dell’AIMS (LTMP), la copertura media di coralli duri nella regione a nord di Cooktown è aumentata al 36% (dal 27% nel 2021) e al 33% nella Grande barriera corallina centrale (dal 26% nel 2021).

Tuttavia, la copertura corallina media nella regione meridionale (da Proserpine a Gladstone) è diminuita dal 38% nel 2021 al 34%. “Un terzo del guadagno di copertura corallina che abbiamo registrato nel sud nel 2020/21 è andato perso l’anno scorso a causa delle continue epidemie di stelle marine corona di spine – ha affermato il CEO di AIMS, Paul Hardisty -. Questo mostra quanto sia vulnerabile il Reef ai continui disturbi acuti e gravi che si verificano più spesso e durano più a lungo. Nei nostri 36 anni di monitoraggio delle condizioni della Grande Barriera Corallina non abbiamo visto eventi di sbiancamento così vicini tra loro”.

Ogni estate la barriera corallina – ha spiegato Hardisty – è a rischio di stress termico, sbiancamento e potenzialmente mortalità e la nostra comprensione di come l’ecosistema risponde a ciò si sta ancora sviluppando. Gli eventi di sbiancamento del 2020 e del 2022, sebbene estesi, non hanno raggiunto l’intensità degli eventi del 2016 e del 2017 e, di conseguenza, abbiamo visto una mortalità inferiore”.

“Questi ultimi risultati – ha concluso – dimostrano che il Reef può ancora riprendersi in periodi privi di intensi disturbi. La crescente frequenza del riscaldamento delle temperature oceaniche e l’entità degli eventi di sbiancamento di massa evidenziano la minaccia critica che i cambiamenti climatici rappresentano per tutte le barriere coralline, in particolare mentre si stanno verificando anche focolai di stelle marine corona di spine e cicloni tropicali. Disturbi futuri possono invertire il recupero osservato in un breve lasso di tempo“.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi