AGI – “Abbiamo voluto evitare di sparare numeri a caso. Sulla produzione di rifiuti si prevede una riduzione dell’8,3% al 2030“. Lo ha detto il commissario straordinario ai rifiuti e sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, presentando, in Campidoglio, il piano di gestione integrata dei rifiuti della capitale.

“Abbiamo studiato molto il piano rifiuti dell’Emilia Romagna e della Lombardia. Abbiamo visto molti piani che danno numeri soddisfacenti ma non andavano da nessuna parte. Abbiamo scelto di mettere dei numeri che pensiamo di poter raggiungere e anche di poter migliorare”, ha aggiunto il sindaco.

Dopo la riduzione della produzione di rifiuti “il secondo obiettivo riguarda la percentuale di differenziata. La nostra stima minima è raggiungere il 65% di differenziata nel 2030 e il 70% nel 2035“, ha detto il sindaco-commissario. “Ora siamo al 45,2% rispetto al 61,3% di media nazionale. Siamo molto inefficienti nell’intercettare plastica, materiale ferroso, verde e anche organico”. 

Termovalorizzatore da 600mila tonnellate anno

Un impianto di trattamento termico dalla capacità di 600mila tonnellate all’anno che tratterà sia i rifiuti indifferenziati (direttamente senza passaggi intermedi) che gli scarti della raccolta differenziata “adottando una tecnologia consolidata per il recupero energetico e le migliori tecnologie disponibili per la riduzione e per il controllo delle emissioni in atmosfera”. È quanto previsto dal piano di gestione integrata dei rifiuti della capitale, presentato dal sindaco di Roma e commissario straordinario, Roberto Gualtieri.

Modello è piano a discarica zero

Occorre “abbattere drasticamente la quota di rifiuti che va in discarica. Il nostro modello è un piano a discarica zero”. Ha detto il sindaco Gualtieri, presentando il piano di gestione integrata dei rifiuti della capitale.

“Roma non graverà più su altri territori – ha proseguito –  questo piano cesserà di dover far trascorrere gran parte del suo tempo al sindaco al telefono con città, regioni di Italia e di Europa per pietire, implorare la concessione che ci prendano i nostri rifiuti”. 

 “Impianti a chilometro zero e impianti pubblici nella loro stragrande maggioranza”. È una delle caratteristiche del piano di gestione integrata dei rifiuti della capitale presentato questa mattina dal commissario straordinario ai rifiuti e sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. “

Abbiamo voluto non monopolizzare tutta la componente di riciclo della quota organica – ha spiegato il sindaco – perché pensiamo a un possibile contributo del settore agricolo e di soggetti privati che vorranno candidarsi a trattare la frazione organica”. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi