AGI – “Una crisi politica ha colpito Roma nel momento peggiore possibile” con “la crisi del costo della vita, la guerra in Ucraina e il pacchetto ‘anti-frammentazione’ pianificato dalla Banca centrale europea”, meglio noto come ‘scudo anti-spread‘, e “l’Italia ha ancora bisogno di Mario Draghi”.

Questo è il messaggio principale dell’intervento del Financial Times che, con un editoriale firmato dalla redazione, ha detto la sua sulle vicende della politica italiana e sulla possibilità che il presidente del Consiglio, Mario Draghi, possa abbandonare Palazzo Chigi. “Era inevitabile che la rara stabilità portata alla politica italiana da Mario Draghi non sarebbe durata”, si legge nell’articolo, “ma mesi di tensione ribollente all’interno della coalizione italiana di governo sono traboccati la scorsa settimana quando il partito populista Cinque Stelle, un membro chiave del suo governo trasversale, ha boicottato un voto su un pacchetto di aiuti da 26 miliardi di euro destinato a sostenere le famiglie con l’inflazione in aumento”.

“Questa settimana sarà cruciale, e non solo per l’Italia”, ha sintetizzato il quotidiano finanziario britannico.

“Il miglior auspicio – hanno sottolineato i giornalisti della City londinese – è che Draghi continui a essere presidente del Consiglio il più a lungo possibile” dal momento che “la priorità è approvare il prossimo bilancio e portare avanti le riforme necessarie per sbloccare la prossima tranche del Recovery Fund dell’Ue da 750 miliardi di euro, di cui 200 miliardi sono destinati all’Italia”.

Inoltre, “gli elevati costi finanziari per l’Italia, che deve rinnovare oltre 200 miliardi di euro di debito entro la fine dell’anno, sono particolarmente problematici dato il previsto aumento di giovedì dei tassi della Bce”, cioè all’indomani del discorso di Draghi alle Camere. “L’Italia sotto Draghi e’ stata un fedele alleato dell’Ucraina di fronte alla guerra illegale della Russia”, si evidenzia nell’editoriale.

“Un vuoto politico a Roma sarebbe l’ennesima distrazione per l’Occidente: il Regno Unito è impegnato nella scelta di un nuovo primo ministro mentre il francese Emmanuel Macron è senza maggioranza parlamentare” mentre “la guerra ha gettato una lunga ombra sulla politica italiana, non solo perché ha fatto salire i prezzi dell’energia e dei generi alimentari, ma anche per i legami di lunga data con Mosca”.

“Il leader dei Cinque Stelle, Giuseppe Conte, ha apertamente messo in dubbio la saggezza di inviare armi all’Ucraina, provocando una scissione nel suo partito”, ha ricostruito il Financial Times. “I partiti politici italiani dovrebbero impegnarsi nelle riforme di Draghi e spingerlo a rimanere fino alle elezioni”, è l’appello finale del giornale londinese, “ma devono anche pianificare in modo credibile un futuro post-Draghi”. “Lo stesso deve fare l’Ue e la Bce: entrambe si aggrappano all’ex presidente della Bce come partner affidabile e temprato dalla crisi”, conclude l’editoriale, con un invito affinché “la finestra per le riforme strutturali non si chiuda”. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi