AGI – Il viaggio in Arabia Saudita del presidente Usa, Joe Biden, “erode la nostra autorità morale”: così il titolo di un editoriale pubblifcato dal Washinton Post, firmato dal suo editore, Fred Ryan. “Perché il presidente Biden va adesso a Jedda con le ginocchia piegate a stringere la mano sporca di sangue del pariah?”, si chiede Ryan.

L’articolo, accompagnato da una foto di una mano sanguinante che si accinge a stringerla a un’altra pulita, è un duro attacco a Biden per la sua imminente visita in Arabia Saudita durante la quale incontrerà il principe ereditario, Mohammed bin Salman. Ryan ricorda che, quando in cerca di voti, Biden promise di fare di bin Salman un “paria” per il suo ruolo nell’assassinio dell’editorialista del Washington Post, Jamal Khashoggi.

Poi osserva: “Il presidente ha giustificato il suo viaggio come una mossa necessaria per promuovere la stabilità in Medio Oriente e per scoraggiare l’aggressione russa e cinese. Ma il presidente dovrebbe sapere che l’incontro con bin Salman, o MBS, come è noto, darà al leader saudita esattamente ciò che tre anni di campagne di pubbliche relazioni saudite, spese di lobbying e persino una nuova lega di golf non hanno ottenuto: un ritorno alla rispettabilità. Questa immeritata assoluzione, a sua volta, non farà altro che minare gli obiettivi di politica estera che Biden spera di raggiungere”.

Inoltre, aggiunge Ryan, “l’incontro di Biden (con MBS) invia anche un messaggio pericoloso sul valore che gli Stati Uniti attribuiscono alla libertà di stampa. Una fotografia di un Biden ghignante con MBS dice agli autocrati di tutto il mondo che possono letteralmente farla franca uccidendo un giornalista fintanto che si possiede una risorsa naturale che gli Stati Uniti desiderano ardentemente”.

“La squadra di Biden – continua Ryan – ha già affermato che il presidente ‘solleverà la questione dei diritti umani’ con i suoi omologhi sauditi. Con quella casella selezionata, le conversazioni si sposteranno rapidamente sui veri punti all’ordine del giorno della riunione, come il flusso di petrolio, senza nulla di reale da mostrare. Biden dovrebbe insistere di più. Prima di incontrare MBS, dovrebbe inviare un elenco di prigionieri politici da rilasciare come prerequisito per l’incontro. E, come fece Ronald Reagan quando visitò l’Unione Sovietica, Biden dovrebbe insistere per incontrarsi faccia a faccia con i dissidenti sauditi mentre si trova nel Paese. Se ha intenzione di attirare l’attenzione globale per brunire l’immagine di un assassino, il minimo che può fare è accendere i riflettori su uomini e donne che rischiano tutto per la libertà e la dignità del loro popolo”.

“In un Paese in cui la censura è totale, le fustigazioni pubbliche, le decapitazioni, le ‘sparizioni’ e centinaia di prigionieri politici sono la norma, il rilascio di alcuni attivisti sarà solo un piccolo danno alla barbarie del regno. Ma è un inizio. È un modo per dimostrare che l’autoumiliazione di Biden ha lo scopo di garantire maggiori diritti umani, non solo benzina più economica alle pompe americane. Ed è qualcosa che MBS può fare ora, immediatamente su richiesta di Biden, come minima dimostrazione di buona fede. Ma se bin Salman offre qualcosa di meno, allora Biden dovrebbe rifiutare la stretta di mano che il principe ereditario desidera disperatamente. Altrimenti, la foto voluta da MBS apparterrà a un album di vergogna americana”, conclude Ryan.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi