AGI – Inflazione, aumento dei costi, rallentamento delle vendite online in tutto il mondo, crisi della catena di approvvigionamento, un eccesso di forza lavoro e anche una trimestrale con un tasso di crescita dei ricavi (al 7%) più lento da quasi due decenni. Con questo scenario, non certo dei più scoppiettanti, Amazon sta affrontando la due giorni del Prime Day (il settimo), appuntamento per i clienti Amazon Prime con offerte su prodotti di piccole e medie dimensioni. Un’altra storia rispetto ai giorni della pandemia, quando i profitti del gigante dell’ecommerce erano aumentati vertiginosamente perché gli acquirenti da casa si erano rivolti allo shopping online per evitare di contrarre il coronavirus. 

La domanda in quei giorni è stata così alta che Amazon ha dovuto quasi raddoppiare la sua forza lavoro negli ultimi due anni a oltre 1,6 milioni di persone. La società di Jeff Bezos ha anche aumentato la sua capacità di magazzino per far fronte alla valanga di ordini che hanno invaso il suo sito. Entro la fine del 2021, Amazon aveva affittato e posseduto circa 35 milioni di metri quadrati di spazio per i suoi magazzini e data center, più del doppio di quanto riportato nel 2019. Poi, l’emergenza pandemia si è attenuata. Gli utenti si sono sentiti più a loro agio nel lasciare le loro case e anche la domanda è rallentata. Che ne sarà di quella forza lavoro? E di quei magazzini?

Secondo la società di ricerche di mercato Insider Intelligence, la crescita delle vendite online del settore al dettaglio solo negli Stati Uniti, che è salita al 36,4% nel 2020, è tornata a una crescita più normale nel 2021 e nel 2022, rispettivamente del 17,8% e del 9,4%. A pesare su questo scenario anche l’inflazione (negli Stati Uniti a maggio era all’8,6%, mai così alta da 40 anni) che spingerà i consumatori a ridurre le spese e a diventare più diffidenti nei confronti degli acquisti impulsivi. I dati di maggio hanno mostrato che le vendite online sono diminuite dell’1% mentre le vendite al dettaglio complessive sono diminuite dello 0,3% da aprile a causa della crescita dell’inflazione. 

“I consumatori  sentono la pressione dell’aumento dei costi delle merci e sono determinati a ridurre le loro spese” ha scritto NielsenIQ, società di analisi di mercato, in un rapporto di giugno sugli eventi di shopping online globali. Secondo i dati di BlackFriday.com in particolare il 65% dei consumatori americani ha un abbonamento Prime e, di questi membri, l’88% prevede di fare acquisti durante il Prime Day. Tuttavia, gli acquirenti prevedono di spendere in media 233 dollari, in calo di 93 dollari rispetto allo scorso anno. Quasi la metà degli americani (47%) ha dichiarato poi di aspettare il Prime Day per fare i suoi acquisti più grandi dell’anno, con abbigliamento, decorazioni per la casa, cuffie e computer che dovrebbero essere le categorie principali. Da non sottovalutare anche il peso di altri appuntamenti analoghi legati allo shopping organizzati in concomitanza del PrimeDay da Walmart, Target e Best Buy.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi