AGI – Come un epitaffio, già scritto. Il sindaco di Robbio, Roberto Francese, annuncia che “questa è la settimana in cui morirà quasi tutto in Lomellina”.

La prospettiva dal suo paese nel cuore della provincia di Pavia che, con Vercelli e Novara, produce la gran parte del riso europeo, ha i colori della fine. Le fotografie che arrivano dalla risaie e dai campi di mais sono ‘sahariane’: le risaie hanno il grigio non più della ‘malattia’ ma ormai dell’ultimo passo senza possibilità di ritorno, il mais langue in una specie di sabbia desertica. La consueta esuberanza delle coltivazioni in questa stagione sembra una cartolina d’epoca.

I giorni della ‘levata’ sono quelli della fine

“Questi sarebbero i giorni della ‘levata’ – spiega Robbio all’AGI – quando le piantine dovrebbero crescere a le risaie si lasciano allagate , prima della fioritura. Che invece per quasi tutti non ci sarà e anche chi ce la farà avrà meno della metà dei chicchi degli anni passati. Si salva solo chi hai campi vicini ai corsi d’acqua. E’ l’ultima settimana in cui, salvo piogge, abbiamo l’acqua, poi sarà tutto asciutto”.

Francese ha delle proposte per il domani, mentre l’oggi muore. “Ci sono lungo i fiumi, da monte a valle, diverse cave dismesse. La mia idea sarebbe di creare dei bacini di accumulo che si riempiano quando abbondano le precipitazioni evitando così alluvioni, come nel 2020, e si rilascino a gravità quando non piove evitando la siccità. Un meccanismo che consentirebbe anche di produrre corrente, riducendo la dipendenza dal gas. Tutto questo si potrebbe fare coi fondi del Pnrr”.

“Le campagne bruciate”

Antonio Strada, vicepresidente di Confagricoltura Pavia, è attaccato al meteo: “Viviamo alla giornata, ma quello che vedo sono tante campagne già completamente bruciate. Il lago Maggiore era risalito un po’ per le piogge dei giorni scorsi ma ora è tornato a zero”.

Il Consiglio del consorzio est Sesia parla di “gravissima siccità” e chiede più acqua al lago Maggiore anche per cercare di”conciliare nel modo più opportuno le legittime esigenze delle diverse utenze”.

Un modo per dire: mentre affondiamo nell’asciutto diamoci almeno una mano.          
 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi