AGI – La guerra scatenata dai Russi in Ucraina sarà ricordata non solo per l’uso massiccio dei droni (sempre però più esposti ai jammer), ma anche per la comparsa di robot sul fronte di combattimento. Il paese di Zelenskij potrebbe schierare già dalla prossima settimana i veicoli robotici GNOM dotati di mitragliatrici da 7,62 mm in prima linea vicino alla città di Zaporіzhzhia.

Lo GNOM, sviluppato da Temerland, società di robotica ucraina (al lavoro anche su reti neurali avanzate, hardware e software di machine learning), è un robot di appena 50 chilogrammi (praticamente un forno a microonde), lungo e largo 60 centimetri, che ha la missione di perlustrare di nascosto le postazioni russe ed essere di supporto al fuoco. 

Il robot può essere adattato per molteplici compiti, tra cui trasporto di attrezzature o piattaforma mobile di supporto antincendio. Sempre in fatto di specifiche tecniche, lo GNOM si muove con quattro ruote con trazione 4×4 e un motore elettrico da 5 cavalli e può essere dotato di una telecamera a 360 gradi su un albero telescopico per fornire una visione dettagliata dell’ambiente circostante.

Comandati a distanza al pari dei droni, gli GNOM diversamente dagli Unmanned Aerial Vehicle resistono ai jammer, grazie ad un collegamento a banda larga e ad un rivestimento speciale in fibra ottica. Il cavo con cui GNOM comunica ha una portata di 2 chilometri, in caso di rottura il veicolo poi ritorna automaticamente in una posizione predeterminata. Sebbene di solito sia gestito tramite un telecomando, GNOM è in grado di muoversi anche autonomamente, supportato dall’esperienza di Temerland in fatto di sviluppo di tecnologie di Intelligenza Artificiale.

I robot tattici sono stati a lungo considerati come un modo per ridurre le vittime e tenere i soldati fuori dalla linea di tiro, pur mantenendo il contatto con il nemico. GNOM in questo senso potrebbe rivelarsi prezioso per avere una visione ravvicinata delle forze russe (e dirigere il fuoco dell’artiglieria su di loro) senza rischiare la vita degli ucraini. 

Mentre la guerra infuria in Ucraina, i produttori stanno lanciando un gran numero di Unmanned ground vehicle (il nome tecnico per questi veicoli) alla fiera Eurosatory 2022, fiera internazionale dedicata ai sistemi difesa e sicurezza aerea e terrestre, alcuni più grandi e apparentemente più sofisticati e più costosi del GNOM. Ma il successo o meno del piccolo robot ucraino potrebbe contribuire agli esiti della guerra più di qualsiasi altro dispositivo.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi