AGI – Ha preso forma un ‘nuovo bipolarismo’ in ambito locale dopo il voto amministrativo dei dei giorni scorsi? È quanto ha cercato di capire l’Istituto Cattaneo che ha realizzato un’analisi sui flussi di voto per i candidati a sindaco del 2017 confrontati con quelli del 12 giugno 2022.

Monza

L’analisi dell’Istituto Cattaneo inizia da Monza, “dove il centrodestra, al termine del primo turno, è in testa con il sindaco uscente Allevi, il Movimento 5 stelle nel 2022 non ha presentato un proprio simbolo: il suo bacino elettorale del 2017 aveva dimensioni contenute (meno del 4% del corpo elettorale) e oggi sembra aver privilegiato l’astensione. Per il resto, anche se la stima è da prendere con le pinze per via delle dimensioni ridotte, il candidato di centrodestra sembra essere stato più attraente per gli ex 5 Stelle del candidato di centrosinistra. Per il resto, gran parte dei bacini elettorali dei candidati dei due poli confermano le loro scelte di cinque anni fa, con qualche perdita (più forte nel centrodestra) verso il non-voto e qualche passaggio di campio (più forte dal centrosinistra al centrodestra)”.

Genova

A Genova, prosegue l’analisi del Cattaneo, “la vittoria al primo turno del sindaco uscente Bucci (centrodestra) deriva dal fatto che mentre gli elettori che lo avevano scelto al primo turno del 2017 hanno (nella quasi totalità, oltre il 90%) confermato questo voto, gli elettori che nel 2017 avevano scelto il candidato di centrosinistra si sono dimostrati molto meno “fedeli” alla coalizione (si osservano perdite verso il non-voto e verso lo stesso Bucci).

“È poi da notare che i non pochi elettori che nel 2017 avevano scelto il candidato del M5s (Pirondini) si sono dimostrati tutt’altro che allineati rispetto alla scelta del partito di Conte di allearsi con il centrosinistra. Il flusso che da Pirondini si dirige verso il candidato di centrosinistra è molto meno consistente di quello di cui beneficia Bucci e ancor meno di quello che si disperde nel non-voto”, prosegue lo studio del Cattaneo.

 

Padova

A Padova, secondo l’indagine, “nel 2017 al secondo turno vinse il rappresentante del centrosinistra Giordani ma al primo turno (che è la votazione considerata come punto di partenza di questa analisi) era il candidato di centrodestra Bitonci ad essere in testa nelle preferenze degli elettori. Il M5s ha affiancato nel 2022 il proprio simbolo alla coalizione di centrosinistra: portava in dote un bacino elettorale di dimensioni ridotte (il 3,1% del corpo elettorale).

In prevalenza (circa la meta’) ha aderito alla nuova collocazione del simbolo, votando per il candidato di centrosinistra, con perdite di un certo rilievo verso l’astensione e verso il candidato di centrodestra. La vittoria di Giordani (centrosinistra) al primo turno, piu’ che per l’apporto degli elettori 5 Stelle, sembra essere dovuta ad altri movimenti di voto: la conquista di un buon numero di elettori dal bacino elettorale di Bitonci e la capacità di attrarre la quasi totalita’ dell’elettorato del candidato “outsider” del 2017 (Lorenzoni).

Parma

A Parma l’offerta elettorale, sia nel 2017 sia nel 2022, presenta diverse peculiarita’, sottolinea lo studio. “Nel 2017, il primo sindaco espresso nel 2012 dal M5s, Pizzarotti, si ripresentava a capo di una coalizione civica. Nel 2022 la coalizione “pizzarottiana” e’ diventata, sotto la guida di Guerra, una coalizione di centrosinistra. Il M5s, dopo aver espulso Pizzarotti, aveva avuto un ruolo marginale nel 2017 ed oggi a Parma e’ completamente scomparso. L’odierno panorama politico della citta’ si caratterizza poi per la presenza di un candidato “outsider” (Costi) che ha saputo conquistare una buona percentuale di voti e dal fatto che Fratelli d’Italia ha deciso di presentare una candidatura a sindaco distinta rispetto alla coalizione di centrodestra.

“Quali flussi rivelano le nostre stime? Anzitutto, e’ da notare che il bacino elettorale di Pizzarotti non sembra essersi riversato interamente su Guerra: perdite vi sono state verso l’astensione, verso Costi e (sorprendentemente) verso il candidato di FdI. D’altra parte, anche il bacino elettorale del candidato di centrosinistra ha subito perdite verso FdI e verso l’outsider. Anche il bacino di centrosinistra mostra flussi in uscita che vanno a beneficiare sia l’outsider Costi, sia il diretto avversario di centrodestra. Nel complesso, questi flussi mostrano dunque una situazione di notevole fluidita’ elettorale. Il bacino elettorale del M5s e’ di dimensioni talmente ridotte che puo’ essere tralasciato”.

Catanzaro

“A Catanzaro il centrodestra, che esprimeva il sindaco uscente Abramo, dopo il voto del primo turno è in testa. Il centrosinistra, che presenta come proprio candidato Nicola Fiorita, che nel 2017 era a capo di una coalizione civica, può contare sull’appoggio del simbolo del M5s. Guardando i flussi, però, notiamo che il bacino elettorale conquistato dal candidato cinquestelle del 2017 non sembra aver seguito lo spostamento del simbolo: le quote che si riversano sul candidato di centrodestra e sul nuovo “outsider” (Talerico) hanno consistenze simili a quella che si dirige su Fiorita. Per il resto, si osservano spostamenti per molti versi sorprendenti, che probabilmente si possono spiegare con le logiche personalistiche che nelle città del Sud spesso prevalgono sulle logiche di schieramento”.

Catanzaro è uno dei comuni dove Fratelli d’Italia si sono presentati separati dalla coalizione di centrodestra. Il risultato non è stato tanto soddisfacente: le stime dei flussi mostrano che la candidata di FdI ha saputo conquistare voti soprattutto dal bacino elettorale di Fiorita e da quello del candidato di centrodestra Abramo (la tabella indica che sia da Abramo, sia da Granato sono usciti flussi del 6% verso FdI: si tratta però di flussi di ben diversa consistenza, poiché, come si vede nell’ultima colonna, nel primo caso si tratta del 6% su un ampio elettorato, nel secondo del 6% su un elettorato molto meno consistente)”.

Palermo

A Palermo nel 2017 si era affermato al primo turno il candidato di centrosinistra (Orlando) mentre nel 2022 la situazione si è ribaltata, con la vittoria al primo turno del candidato di centrodestra (Lagalla). Il Movimento 5 stelle, che nel 2017 aveva conquistato un consistente numero di voti, nel 2022 ha deciso di appoggiare il centrosinistra. Per comprendere i movimenti di voto del capoluogo siciliano occorre anche considerare che Ferrandelli nel 2017 era stato il candidato del centrodestra e nel 2022 si è presentato a capo di una coalizione che aveva in Azione il proprio principale referente partitico.

Le stime dei flussi mostrano che il bacino elettorale che nel 2017 premiò il candidato di centrodestra oggi si è diviso in due, tra la conferma del voto al candidato dello stesso schieramento e l’astensione. Malgrado questa consistente perdita verso il non-voto, la coalizione di centrodestra è riuscita a vincere grazie alla conquista di una consistente quota di voti dal bacino elettorale di Orlando (da questo elettorato i flussi verso Lagalla e verso Miceli sono sostanzialmente identici).

Dal bacino elettorale del candidato del M5s il flusso in uscita più consistente è, di gran lunga, quello verso l’astensione. Inoltre, tra gli elettori che nel 2017 premiarono il M5s oggi Ferrandelli è preferito rispetto a Miceli. Ferrandelli beneficia soprattutto di flussi provenienti dal bacino del centrosinistra e da quello del M5s. Nel complesso, dunque, possiamo notare una limitata fedeltà del bacino elettorale M5S, ma anche una limitata prevedibilità dei relativi spostamenti, almeno per quanto riguarda le elezioni amministrative.

“Soprattutto al Sud, le preferenze relative alle caratteristiche soggettive dei candidati spesso prevalgono sulle logiche di schieramento. Fino al punto che il candidato palermitano della coalizione centrista, che secondo uno schema politico nazionale andrebbe considerato come un “anti-grillino” per antonomasia, attrae una buona quota di ex elettori pentastellati. Se in passato, e segnatamente nelle elezioni locali dell’ottobre 2021, si è osservata una netta tendenza dell’elettorato di centrodestra a disertare il voto, nel 2022 questo non si e’ verificato, a indicare probabilmente un maggiore ottimismo rispetto al 2021 sui possibili risultati dei candidati della propria parte”, conclude lo studio dell’Istituto Cattaneo. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi