AGI – Sulla base delle prime proiezioni in seggi elaborate dai principali istituti di sondaggio francesi, Ensemble!, coalizione del presidente Emmanuel Macron, resta la prima forza politica all’Assemblea Nazionale con una forchetta di deputati compresa fra 270 o 275 e 310. Con questi numeri, Macron rischia però fortemente di non avere la maggioranza assoluta, pari a 289, o di averla molto risicata. Alla Nupes vengono dati fra 170 e 220 seggi.

I Republicains, secondo le principali proiezioni, dovrebbero ottenere fra 40 e 60 deputati, mentre il Rassemblement National di Marine Le Pen fra 5 e 25 deputati e Reconquete!, il partito del giornalista e polemista nazionalista Eric Zemmour, dovrebbe avere al massimo due deputati. (AGI)Cnt

“La verità è che il partito presidenziale è sconfitto”. Lo ha affermato il leader di France Insoumise, Jean-Luc Melenchon, parlando dopo le prime proiezioni delle elezioni legislative che danno la sua coalizione Nuper in leggero vantaggio su Ensamble di Macron. “In questo primo turno Nuper è arrivata prima. Sarà presente in pù di 500 circoscrizioni al secondo turno.

“Le proiezioni riguardanti i seggi in questo momento non hanno alcun senso – ha aggiunto Melenchon – se non quello di mantenere un’illusione. La verità è che la maggioranza presidenziale è stata battuta”.

“È un risultato storico. Ora chiediamo ai cittadini di guardare non solo ai progetti, ma anche all’interesse generale del popolo e della patria. Se lo decidete, tra dieci giorni i prezzi saranno bloccati, il salario minimo sarà aumentato a 1500 euro. Se lo decidete, tra un mese comincerà la discussione sulla pensione a 60 anni”, ha aggiunto Melenchon, invitando i francesi “a recarsi alle urne domenica prossima per respingere definitivamente i progetti funesti della maggioranza, come la pensione a 65 anni, ma anche la parte nascosta di quel programma, come l’intenzione di ritirare 80 miliardi di euro dal bilancio dello Stato per ridurre il deficit”. 

“Siamo di fronte a una confusione inedita” e “non dobbiamo cedere nulla davanti agli estremi, che siano a destra o a sinistra”: lo ha affermato la premier francese, Elisabeth Borne, al termine del primo turno delle elezioni legislative. Sottolineando che “non possiamo rischiare una instabilità del Paese”, Borne, che ha seguito i risultati all’Eliseo insieme con il presidente Emmanuel Macron e che si è qualificata per il secondo turno, ha aggiunto che Ensemble, la coalizione di Macron, è “l’unica forza politica in grado di ottenere la maggioranza” all’Assemblea Nazionale. “Il nostro primo dovere collettivo – ha spiegato – è quello di far arretrare l’astensione”.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi