AGI – In Ucraina “si mettano in atto veri negoziati per una soluzione sostenibile”. Lo ha chiesto Papa Francesco dopo la recita del Regina Caeli. “Si abbia rispetto della vita umana, si fermi la macabra distruzione di città e di paesi”, ha aggiunto Bergoglio che ha parlato di una escalation sempre più pericolosa: “A 100 giorni dall’inizio dell’aggressione armata contro l’Ucraina e’ calato l’incubo della guerra sull’umanità” che è la “negazione del disegno di Dio”.  Le “contrapposizioni” tra le parti fanno temere, ha aggiunto, una “escalation sempre più pericolosa”. 

In mattinata è arrivata la minaccia di Putin: “Se l’Occidente fornirà missili a lungo raggio a Kiev ne prenderemo atto e coplpiremo siti finora risparmiati dalla guerra”, ha detto il presidente russo, in una intervista televisiva. 

Intanto a Severodonetsk, nell’Est dell’Ucraina, si combatte strada per strada. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, parlando di “situazione molto difficile”. “La situazione a Severodonetsk, dove continuano i combattimenti di strada, rimane estremamente difficile”, ha detto Zelensky. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi