AGI – Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi, ha deliberato la proroga dello stato di emergenza per intervento all’estero già deliberato in conseguenza degli accadimenti in atto nel territorio dell’Ucraina. La proroga è volta a continuare a garantire le attività di soccorso e assistenza alla popolazione, nell’ambito del meccanismo di protezione civile dell’Unione europea, sul territorio dell’Ucraina e dei Paesi limitrofi interessati dall’emergenza.

Draghi ha riunito il Consiglio dei Ministri, appena rientrato da Washington, dove ha incontrato il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, la speaker della Camera Nancy Pelosi e la Segretaria al Tesoro Janet Yellen.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha oggi telefonato al Presidente francese Emmanuel Macron per congratularsi per la sua rielezione. Nel corso della telefonata si è parlato anche del futuro dell’Europa e dell’Ucraina.

Per il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, “sia il discorso di Macron sia quello di Draghi aprono una fase nuova che mi auguro dia impulso ai vertici europei anche a cambiare un po’ l’impostazione perchè l’Ue non puo’ essere semplicemente essere parte del conflitto, deve schierarsi con l’Ucraina come è assolutamente giusto ma deve anche svolgere una funzione per promuovere forme di dialogo che vadano nella direzione di un cessate il fuoco il prima possibile”.

L’ex premier M5s Giuseppe Conte sottolinea: “Da Draghi ci sono delle affermazioni che sono in sintonia con quello che il Movimento ha sostenuto nelle scorse settimane. Affermazioni di un certo equilibrio“.

Per il presidente della Commissione esteri della Camera, Piero Fassino, “Draghi è stato molto chiaro e ha detto due cose: la solidarietà e il sostegno all’Ucraina non è in discussione, quelli che parlano di riposizionamento esprimono i loro desiderata. Siamo al fianco dell’Ucraina da quando è stata invasa e lo siamo ancora. Ma la guerra è cambiata e dopo aver respinto la prima onda d’urto, Kiev si prepara a combattere una guerra che può durare a lungo. Quindi, continuiamo a sostenere la difesa dell’Ucraina, ma anche a cercare di attivare tutte le iniziative possibili per arrivare a un cessate il fuoco, a una tregua che consenta di aprire un percorso negoziale”.

Il leader della Lega, Matteo Salvini, commenta: “Sono fiducioso per natura. Non commento i ‘sé’.

Draghi ha parlato di urgenza di pace, ripeto la mia posizione: più armi significa più guerra. Noi non siamo in guerra con nessuno ed è interesse di tutti spegnere il fuoco. La posizione della Lega è chiara, ne parlero’ con Draghi senza interposta persona”.

Per Salvini “se non semini il grano non lo raccogli. Ci sarà un problema enorme di carestia e di fame nel continente africano che poi diventerà un problema umanitario e poi un problema italiano. Dunque arrivare alla pace entro maggio è questione di sopravvivenza per l’Ucraina, per la Russia e per l’Italia. Ho chiesto a Draghi che sia capofila di una cordata europea per la pace. Qualcuno in Europa tifa per la guerra ma Italia, Francia e Germania hanno il diritto di puntare alla pace. Sono contento che la stragrande maggioranza degli italiani chieda a gran voce la pace”.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi