AGI – Spacciandosi per operatore della onlus ‘Salviamo i bambini in guerra’, un trentenne svizzero si era messo a disposizione di una donna che in Sardegna si era offerta di adottare un minore ucraino. L’uomo, residente a Mogliano Veneto (Treviso) e con precedenti denunce a carico, è stato identificato dai carabinieri di Serrenti (Sud Sardegna) e deve rispondere di truffa aggravata e accesso abusivo a un sistema informatico.

Le indagini sono scattate dopo una denuncia della donna, la quale aveva anche segnalato un accesso irregolare al proprio conto corrente. Dagli accertamenti dei carabinieri è emerso che l’indagato ha acquisito documenti con informazioni sensibili poi messi a disposizione della vittima del raggiro, convinta che fossero necessari per adottare un bambino ucraino. Secondo l’accusa, l’uomo è anche responsabile di accesso irregolare al conto corrente della donna, anche se non era riuscito a prelevare denaro. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi