AGI – La guerra “entra in una nuova fase”, nelle parole del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, e inizia la battaglia per il Donbass, dove nei giorni scorsi Mosca ha ridispiegato buona parte delle forze schierate in Ucraina, con l’obiettivo di impadronirsi delle intere regioni di Donetsk e Lugansk, in parte già in mano ai separatisti filorussi delle due omonime repubbliche separatiste.

Il principale obiettivo russo rimane la conquista di Mariupol, dove sono iniziati i bombardamenti sull’acciaieria Azovstal per eliminare gli ultimi difensori della città portuale. Lo stabilimento è già “semidistrutto” ha riferito il vice comandante del battaglione Azov, Svyatoslav Palamar. Sull’impianto, ha aggiunto, sono state sganciate un gran numero di bombe molto potenti e “molte persone sono sotto le macerie”.

La Russia ha annunciato oggi di aver effettuato una dozzina di attacchi aerei e missilistici nell’Ucraina orientale, raid che secondo Kiev segnano l’inizio della annunciata “battaglia per il Donbass”.

Secondo Mosca, “missili ad alta precisione” hanno “neutralizzato 13 roccaforti” e “concentrazioni” di truppe vicino alla città chiave di Slovyansk, nella regione di Donetsk. Altri attacchi aerei “hanno colpito 60 unità militari”, comprese le città vicino alla linea del fronte orientale. Il ministero della Difesa russo ha invitato l’intero esercito ucraino a “deporre le armi” e gli ultimi difensori di Mariupol a cessare la loro “insensata resistenza”. 

Gli occupanti russi hanno intensificato le operazioni offensive lungo l’intera linea di contatto“, ha affermato lo stato maggiore delle forze armate ucraine. I combattimenti “sono incessanti” in diverse città ed “è l’inferno”, ha dichiarato il governatore ucraino della regione di Lugansk, Serghey Gaidai, invitando gli abitanti a fuggire. “Abbiamo battaglie nelle città di Rubizhne e Popasna. Il nemico però non può fare nulla. Stanno perdendo persone e attrezzature”, ha aggiunto Gaiday.

Il controllo del Donbass e del porto assediato di Mariupol consentirebbe a Mosca di creare un corridoio meridionale che partirebbe dalla penisola di Crimea, annessa nel 2014, e priverebbe l’Ucraina di gran parte della sua costa e di un’importante risorsa di reddito. Se l’Est rimane l’obiettivo di Mosca, l’Ovest non viene risparmiato dalle ostilità.
 

Ieri un attacco aereo su Leopoli ha causato la morte di almento sette persone. La città vicino al confine polacco era stata in gran parte risparmiata dai bombardamenti. L’attacco russo aveva come bersaglio la ferrovia, al probabile scopo di intralciare la consegna di armi occidentali.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi