AGI – Il consiglio di amministrazione di Twitter sta valutando una ‘poison pill’, letteralmente una “pillola avvelenata”, ovvero una tattica di difesa da un’offerta pubblica di acquisto ostile. Lo riporta il Wall Street Journal. Il cda sarebbe infatti pronto a combattere l’offerta del patron di Tesla, Elon Musk, che valuta la società circa 43 miliardi di dollari, ritenendola “sgradita”.

Il board della società si riunirà a breve per valutare l’offerta. Il cda starebbe pensando a mosse difensive come appunto le ‘poison pills’, ovvero delle opzioni riservate agli azionisti esistenti per acquistare un certo quantitativo di azioni a un prezzo di favore per impedire la scalata ostile.

Musk ha ammesso di non essere sicuro di riuscire ad acquistare Twitter e ha un piano B se il consiglio di amministrazione del social network dovesse rifiutare la sua offerta da circa 43 miliardi di dollari. Lo riporta Bloomberg.

I made an offer https://t.co/VvreuPMeLu

— Elon Musk (@elonmusk)
April 14, 2022

“Ho investito in Twitter perché credo nel suo potenziale di essere la piattaforma per la libertà di parola in tutto il mondo, e credo che la libertà di parola sia un imperativo sociale per una democrazia funzionante”, aveva scritto Musk in una lettera inviata al presidente di Twitter Bret Taylor e rivelato in un deposito di titoli. “La mia offerta è la mia migliore e ultima offerta e se non viene accettata, avrei bisogno di riconsiderare la mia posizione come azionista“.

All’inizio di questa settimana, il patron di Tesla ha annunciato di aver abbandonato il progetto di entrare nel consiglio di amministrazione di Twitter. Prendere il posto nel board, infatti, gli avrebbe impedito una possibile acquisizione dell’azienda.

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi