AGI – L’intesa con l’Algeria sul gas, le reazioni dei partiti dopo il primo turno delle presidenziali francesi e la preparazione del vertice tra Forza Italia e Lega con Draghi sulla delega fiscale. Sono questi i temi in primo piano sulle pagine di politica dei quotidiani in edicola oggi.

La Repubblica

L’Algeria ci venderà più metano. Draghi: “Ora meno legati a Mosca”. Il premier ad Algeri per l’intesa tra Eni e Sonatrach: in arrivo 9 miliardi di metri cubi in più, ma solo dal 2024. Cingolani: “Tre miliardi già quest’anno”. Prossime tappe per assicurare forniture extra in Congo, Angola e Mozambico. Il retroscena: il piano B del governo. Con lo stop al gas russo consumi da razionare. Elezioni francesi, centrodestra spaccato su Le Pen. Meloni: “Non ci rappresenta”. Intervista a Fausto Bertinotti: “E’ Melenchon il vero vincitore delle elezioni. Macron conquisti i suoi voti”.

La Stampa

Gas, patto con l’Algeria. Draghi chiude l’accordo con Sonatrach ed Eni, subito più metano, 9 miliardi di metri cubi solo dal 2024. Vertice per il piano di razionamento in caso di blocco. Delega fiscale, attacco frontale del centrodestra. Letta: “Con le minacce si spegne il governo”. Domani il premier vede Salvini e Tajani. Mediazione difficile sul Catasto.

Il Giornale

Arriva il gas dall’Algeria. Servirà a rimpiazzare un terzo di quello russo. Giustizia, passa la riforma. Toghe pronte allo sciopero. Stop pm in politica grazie alle “porte girevoli”. Il Def? Crescita a rischio. Per evitare la recessione non bastano 5 miliardi. Confcommercio lancia l’allarme sul Pil 2022: “Più vicino al 2 che al 3%, servono sostegni”.

Libero

Comiche partigiane. L’Anpi si prepara al 25 aprile stampando volantini che spingono l’Ucraina alla resa. E al posto dei tricolori c’e’ la bandiera ungherese. Alla vigilia del vertice col premier: FI e Lega insieme da Draghi, “avanti solo senza tasse”. Slitta a domani l’incontro a Palazzo Chigi. I due partiti del centrodestra andranno uniti. Salvini: “Stop a nuove imposte”. E Forza Italia alza il tiro sulla giustizia.

Il Tempo

Tanto rumore, poco gas. Chiuso l’accordo con l’Algeria per incrementare le forniture ed evitare il ricatto di Putin. Solo 3 miliardi di metri cubi in più dall’Africa ma da Mosca ne perderemo oltre 29 miliardi. Sorpresa nei sondaggi: italiani disposti a fare sacrifici energetici per aiutare la pace.

La verità

Draghi chiude l’accordo con l’Algeria. Ma quel gas non basta. E c’e’ un rischio. Lo Stato africano e’ al guinzaglio: dipende dal Cremlino per le forniture di grano. Il premier incontra il centrodestra. Domani confronto con Lega e Forza Italia su catasto e altri nodi della delega fiscale. Il Pd attacca il sottosegretario Freni per i suoi timori sull’aumento delle imposte. –

Avvenire

Per il gas Algeri meglio di Mosca. Draghi e Di Maio siglano l’intesa. Da Sonatrach 9 miliardi di metri cubi l’anno per sostituire un terzo della dipendenza russa. Timori per i dubbi dei Paesi Ue sul tetto al prezzo. Domani Cdm sull’energia ma più tempo per nuove regole sulle rinnovabili. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi