AGI – Le truppe russe si stanno riversando in Ucraina, con una grande colonna di veicoli militari che si dirige verso l’Est: una colonna di mezzi è stata localizzata nei pressi di Matveev Kurgan, nella regione russa di Rostov, diretta a Nord Ovest, verso il territorio del Donbass.

Sarebbe l’equipaggiamento militare che servirà a rafforzare la presenza militare nella regione, in vista di quella che si preannuncia come la battaglia finale.

L’Ucraina ritiene che la Russia amplierà la sua offensiva proprio questa settimana nella regione delle autoproclamate repubbliche separatiste; Putin ha definito quanto sta accadendo una “tragedia” ma “inevitabile” considerato che l’obiettivo “nobile” è la protezione delle persone che vi abitano. 

L’obiettivo di Mosca è avviare una grande offensiva che conduca al controllo totale delle due oblast. Fonti del Pentagono ritengono che servirà “tempo considerevole” per poter avviare l’operazione ma, secondo il governo di Kiev, l’attacco “è già iniziato”.

Intanto si indaga sul possibile uso di armi chimiche a Mariupol. Il vice ministro della Difesa ucraino, Hanna Malyar, ha affermato che le forze russe potrebbero aver utilizzato “munizioni al fosforo” nella città portuale e che le le autorità di Kiev stanno indagando le informazioni non verificate. 

Eduard Basurin, portavoce delle milizie separatiste del Donetsk, ha smentito a Interfax l’utilizzo di armi chimiche a Mariupol. In precedenza Andriy Biletsky, comandante del reggimento Azov, aveva sostenuto che un drone russo ieri avesse lanciato una sostanza sconosciuta sui civili di Mariupol e che tre persone avessero riportato segni di avvelenamento chimico, seppure senza “conseguenze disastrose”. 

Intanto comincia ad aumentare il numero di persone che tornano in Ucraina dall’estero: è balzato a circa 30.000 al giorno.

E se nei primi giorni di guerra erano per la maggior parte uomini quelli che tornavano in Ucraina, ora ci sono più donne, anziani e bambini. 

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati stima che oltre 4,3 milioni di rifugiati siano fuggiti dal paese dopo lo scoppio della guerra, con circa 7,1 milioni di sfollati interni. 

 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi