AGI – Mosca annuncia di aver già distrutto le quattro batterie di missili antiaerei S-300 donate all’Ucraina da un non meglio specificato Paese europeo, probabilmente la Slovacchia, che ne aveva annunciato l’invio nei giorni scorsi. I lanciatori, fa sapere la Difesa russa, erano stati nascosti in un hangar nei pressi di Dnipro, e sono stati eliminati da missili Kalibr lanciati dal mare. Nell’operazione, aggiunge Mosca, sono stati colpiti 25 militari ucraini. Ieri le autorità di Dnipro avevano affermato che l’aeroporto della città era stato “completamente distrutto” da un bombardamento. Il primo ministro slovacco, Eduard Heger, ha da parte sua smentito che i sistemi antiaerei donati a Kiev siano stati distrutti. Nella notte le sirene antiaeree hanno suonato in diverse città, comprese la capitale Kiev e Odessa, lo strategico porto sul Mar Nero.

I riflettori sono però tutti puntati sul Donbass, dove la grande offensiva annunciata da Mosca “è già iniziata”, ha riferito Vadym Denysenko, consigliere del ministro degli Interni ucraino. “I russi stanno accumulando le loro forze”, ha spiegato Denysenko, “continuano a ridistribuire le loro truppe e le loro attrezzature nelle regioni di Donetsk e Lugansk”. “Non ci sono ancora le grandi battaglie di cui si parla cosi’ tanto in questi giorni, ma in generale potremmo dire che l’offensiva è già iniziata”, ha aggiunto il funzionario.

Il leader filorusso dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, Denish Pushilin, ha annunciato l'”intensificazione” della battaglia contro le forze ucraine nella regione e “l’identificazione delle aree in cui alcuni passi devono essere accelerati”. Secondo l’intelligence britannica, le forze russe continuano a bombardare le regioni di Donetsk e Lugansk ma le forze ucraine hanno respinto diversi assalti, distruggendo carri armati, veicoli e pezzi d’artiglieria. L’obiettivo dichiarato di Mosca e ottenere il controllo completo delle due regioni già in parte in mano ai separatisti. Nel distretto di Izyum, nella regione orientale di Kharkiv a Nord del Lugansk, Mosca ha rivendicato la conquista dell’insediamento di Kamyanka, “una delle linee di difesa più fortificate delle forze armate ucraine”.

I difensori di Mariupol, intanto, si preparano all’ultima battaglia. “Le nostre munizioni stanno finendo. Sarà la morte per alcuni di noi e la prigionia per altri”, ha scritto su Facebook la 36a Brigata Marina separata intitolata al contrammiraglio Mikhail Bilinsky, parte delle Forze armate ucraine. “Stiamo lentamente scomparendo”, si legge nell’appello agli ucraini, “non sappiamo cosa accadrà, ma vi chiediamo davvero di ricordarci con una parola gentile. Per più di un mese abbiamo combattuto senza rifornimenti di munizioni, senza cibo, senza acqua, facendo il possibile e l’impossibile”. In oltre 40 giorni di assedio e intensi combattimenti, “il nemico gradualmente ci ha respinto, ci ha circondato e ora sta cercando di distruggerci”, spiega la Brigata, deplorando la mancanza di aiuto dal comando dell’esercito e dal presidente Volodymyr Zelensky: “Ci sono state solo promesse non mantenute”. 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi