AGI – Come nel 2017, Emmanuel Macron e Marine Le Pen si affronteranno il 24 aprile prossimo al secondo turno delle presidenziali in Francia, con un vantaggio di partenza del presidente uscente, senza però certezza sul loro voto riserve dopo il crollo di LR e PS dopo il primo turno di domenica. Secondo le ultime proiezioni il presidente uscente ottiene un punteggio migliore del previsto: il 27,6%, davanti al candidato di RN, al 24,3%.

 Terzo il candidato della gauche, al 21,9%, che invita a non dare “nemmeno un voto” all’estrema destra. Anche gli altri candidati si schierano con Macron ad eccezione del populista di destra Zemmour (7%) e del sovranista Dupont-Aignan. Republicains e socialisti ai minimi storici. Astensionismo al 26,2%.

Dopo mesi di campagna atipica e poco mobilitante, l’astensione è stata superiore a cinque anni fa, tra il 26 e il 28% contro il 22,23% del 2017, secondo gli istituti elettorali. Con il terzo posto di Jean-Luc Mèlenchon (circa 21%), questa elezione conferma la retrocessione dei due partiti che hanno governato la Francia dalla Quinta Repubblica fino al 2017, che ottengono il punteggio peggiore della loro storia.
“I partiti tradizionali sono polverizzati”, riassume il politologo Jèrome Jaffrè.

“Il riflesso utile del voto si è giocato, è una delusione personale e collettiva”, ha commentato il candidato di destra. Se ci si aspettava lo scenario di un duello Macron/Le Pen, la campagna tra due turni apre una serie di interrogativi sui trasferimenti di voti di cui beneficeranno entrambi il prossimo 24 aprile. I due candidati hanno lanciato l’appello per una manifestazione domenica sera sotto i rispettivi stendardi.

“Voglio raggiungere tutti coloro che vogliono lavorare per la Francia”, ha detto Emmanuel Macron, chiedendo di fondare, al di là delle “differenze”, “un grande movimento politico di unità e di azione”. Il Capo dello Stato scenderà in campo lunedi’ mattina con una trasferta al Nord, poi martedi’ al Grand Est. Marine Le Pen, che vuole essere la “presidente di tutto il popolo francese”, ha invitato “tutti quelli che non hanno votato” per Emmanuel Macron ad “unirsi” a lei per la “grande alternanza di cui la Francia ha bisogno”.

L’esito del secondo turno sta in parte nel comportamento degli elettori di Jean-Luc Mèlenchon, che sono riusciti a capitalizzare l’utile voto di sinistra al punto da credere, fino alla tarda serata di domenica, che avrebbero potuto disputare il secondo turno. Rispetteranno le istruzioni che il candidato ribelle ha ripetuto tre volte: “Non si deve dare voce alla signora Le Pen”? Tuttavia, non ha chiesto esplicitamente la scelta di Macron.

E i simpatizzanti di destra seguiranno la decisione della Pècresse di votare “in coscienza per Emmanuel Macron per impedire all’estrema destra di salire al potere”? “Personalmente, non votero’ per Emmanuel Macron al secondo turno”, ha avvertito il finalista delle primarie di LR Eric Ciotti.

Allo stesso tempo, sarà la schietta primavera del fronte repubblicano a bloccare il lavoro di RN tra i sostenitori dell’ecologo Yannick Jadot (meno del 5%), il comunista Fabien Roussel (2/3%) o anche ‘Anne Hidalgo, che prontamente ha chiesto di “sconfiggere l’estrema destra” votando Macron? In un tale contesto, il presidente uscente “avrà un problema di dinamica”: “Ha già preso la maggior parte degli elettori della destra moderata” e “dovrà andare a pescare quelli di sinistra, ma sono a Jean – Luc Mèlenchon”, che complica il suo compito, sottolinea il politologo Pascal Perrineau. 

La Le Pen dovrebbe contare sui voti del polemista di estrema destra Eric Zemmour che, dopo aver ottenuto circa il 7% dei voti, ha chiamato “a votare Marine Le Pen” nonostante i “disaccordi” con lei. Cinque anni fa, un quarto dell’elettorato non voleva decidere tra Macron e Le Pen, e quattro milioni di francesi preferivano votare in bianco o nullo. In questa domenica di sole in tutto il Paese, circa 48,7 milioni di elettori sono stati chiamati a decidere tra i 12 candidati all’Eliseo dopo una campagna colpita dalla crisi del Covid-19 e poi dalla guerra in Ucraina. Per questi motivi, il presidente-candidato è entrato in campagna in ritardo, facendo pochi viaggi, che hanno seminato dubbi nel suo campo.

Tuttavia, ha migliorato il suo punteggio precedente (24,01% nel 2017), una prestazione che solo Francois Mitterrand era riuscito a ottenere sulla strada per la rielezione nel 1988. Spronato dalla Le Pen sul tema del potere d’acquisto, il Capo dello Stato ha alzato significativamente la voce nei giorni scorsi contro la candidata di RN, sostenendo che ella sta “mentendo alla gente”, e fissando la sua visione di “compiacimento” alla Russia.

In progresso anche Marine Le Pen rispetto al primo round del 2017 (21,3%), dopo una campagna senza grandi rischi. La candidata, che ha levigato molto la sua immagine senza intaccare la radicalità del suo progetto su immigrazione e istituzioni, è stata riorientata dalle uscite di Zemmour, la cui concorrenza alla fine le è servita nonostante i dubbi e le defezioni di Winter.

Ma la strada per raggiungere l’Eliseo è ancora lunga, mentre la sua personalità desta ancora la preoccupazione della maggioranza dei francesi (51%), e solo il 39% di loro ritiene che abbia le caratteristiche di un Presidente della Repubblica, molto indietro rispetto a Emmanuel Macron (65%), secondo la Fondazione Jean-Jaurès.

Questo nuovo duello Macron – Le Pen installa nel panorama nazionale una spaccatura che si era attenuata durante le elezioni amministrative del 2020 e del 2021, durante le quali LR e PS avevano opposto resistenza, e i Verdi una svolta.
Ormai ridotte al minimo indispensabile, la destra e la sinistra vedono il loro futuro seriamente ostacolato da questa storica debacle. Per queste formazioni, alle prossime elezioni legislative di giugno, prima di ogni iniziativa di rifondazione, sarà in gioco la sopravvivenza.

 

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi