Corte dei Conti

E’ stato pubblicato ieri, 02 dicembre 2021, dal Consigliere di minoranza Pasquale D’Assisi il link alla delibera della Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo per la Regione Puglia, emessa il 21 ottobre scorso con cui si respingeva l’approvazione del piano di riequilibro finanziario pluriennale del Comune di Stornara (Fg).

Tutte le motivazioni sono riepilogate nel paragrafo “Considerazioni conclusive” di pag. 44:

  • non veridicità del bilancio di previsione 2016-2018;
  • previsione del finanziamento del debito fuori bilancio scaturente dalla sentenza esecutiva per il contenzioso con gli “eredi Petroni” in 10 anni (durata del piano), pur in assenza di un accordo con i creditori (l’accordo con i creditori, infatti, ut supra dimostrato, è intervenuto soltanto in data 09/07/2018, ovvero un anno e mezzo dopo l’approvazione del piano in esame) in violazione dell’art. 243 bis, comma 7 del T.U.E.L.;
  • l’accordo con i creditori (“eredi Petroni”) del 09/07/2018 prevede poi il pagamento del debito con una ripartizione temporale superiore alla durata del piano di riequilibrio (fino al 2028, in luogo del 2025, termine di conclusione della procedura di risanamento);
  • Il piano di riequilibrio finanziario pluriennale del comune di Stornara (FG) non tiene conto del reale disavanzo di amministrazione, in quanto lo stesso non risulta correttamente calcolato a partire dal rendiconto 2015;
  • riscontrata (ed ammessa dall’ente) la sottostima del fondo crediti di dubbia esigibilità e la presenza di gravi errori contabili, quali ad esempio la mancata applicazione in parte spesa della quota di finanziamento del disavanzo da riaccertamento straordinario, tanto da privare del requisito della veridicità le previsioni su cui si basa il piano stesso (il quale parte dal presupposto che l’ente fosse in avanzo di amministrazione al 31.12.2015, mentre in realtà presentava un ingente disavanzo;
  • Il piano di riequilibrio finanziario pluriennale in esame non tiene poi conto degli ulteriori fattori di squilibrio (come, ad esempio, le anticipazioni di tesoreria non restituite al 31 dicembre per vari esercizi consecutivi), per i quali non sono previste specifiche azioni di risanamento e che rendono pertanto non possibile il raggiungimento degli obiettivi individuati dall’ente;
  • Il comune di Stornara (FG) versa inoltre in una cronica situazione di illiquidità ed i debiti certi, liquidi ed esigibili non estinti al 31/12/2020 ammontano a € 2.431.712,27 (+36% rispetto al 31/12/2019). Inoltre, la gestione della cassa non è idonea a rappresentare le movimentazioni dei fondi vincolati e quindi non è possibile escludere la presenza di fondi vincolati utilizzati per spese correnti e da ricostituire;
  • effettuate da parte dell’ente modifiche nella rateizzazione del debito a causa delle difficoltà nel pagamento delle rate del 2020 (che sono state ulteriormente rinviate con un accordo intervenuto con i creditori “eredi Petroni”); tali modifiche non risultano recepite nel piano di riequilibrio finanziario pluriennale in esame il quale, invece, presenta differenti importi annuali di finanziamento del debito. Il comune di Stornara (FG), in sintesi, non ha presentato una formale e corretta riformulazione del piano (peraltro possibile solo al verificarsi dei particolari presupposti di legge) bensì ha proceduto ad una modifica unilaterale dello stesso;
  • la stessa criticità, costituita dall’autonoma modifica del piano risultano modificate rispetto a quelle inizialmente previste;
  • Gli obiettivi relativi all’incremento delle entrate non risultano chiaramente e specificamente determinati nel piano stesso;
  • il comune di Stornara (FG) non è stato in grado di compilare la colonna relativa alle “previsioni del piano” con riguardo alle entrate;
  • L’attività di contrasto all’evasione tributaria non ha altresì generato incassi soddisfacenti, anche lo smaltimento dei residui attivi e passivi risulta assai lento e ad oggi non sono stati neanche realizzati rilevanti incassi relativi alle vendite dei beni patrimoniali;
  • La manovra di riduzione della spesa corrente, attuata nei già decorsi quattro esercizi, non può assolutamente definirsi efficace. La riduzione degli impegni, infatti, non è stata raggiunta per tutte le voci. Complessivamente, dal 2017 al 2020, gli impegni per le voci di spesa selezionate dal comune di Stornara (FG) passano da € 884.570,85 a € 690.676,37 (-22%, pari a € 193.894,48). L’obiettivo fissato nel piano di riduzione in 10 anni della spesa del personale di € 1.238.285,80 appare dunque assai improbabile, considerato che dal 2017 al 2020 (quattro anni) la riduzione è stata pari ad € 193.894,48, con ulteriori € 1.044.391,32 da “recuperare” nei restanti sei anni. Peraltro, nel piano di riequilibrio finanziario pluriennale non sono precisate in modo chiaro le modalità e le percentuali di riduzione annua. Va pure evidenziato come la spesa per gli organi politici istituzionali, da ridurre secondo il piano, abbia in realtà fatto registrare un leggero aumento.
  • la situazione finanziaria del comune di Stornara (FG) non risulta migliorata nei primi anni di attuazione del piano. Inoltre, l’equilibrio complessivo di parte corrente è negativo per entrambi gli esercizi così come anche l’equilibrio complessivo.
  • Le considerazioni che precedono rendono pertanto evidente che, in presenza delle numerose, gravi ed insanabili criticità rilevate, difettano le condizioni di legge per l’approvazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale presentato dal comune di Stornara (FG) che, pertanto e conclusivamente, non può essere approvato;

Il Primo Cittadino, Rocco Calamita, nella diretta facebook del 30 novembre scorso, ha chiesto le scuse del Consigliere Pasquale D’Assisi per aver accusato il dirigente della ragioneria comunale, dott. Pompeo Balta, e l’allora Assessore al bilancio, Lucia Raffaele, di “falso in bilancio“, scatenando l’ira dello stesso Balta. Sempre nella diretta del 30 novembre, il sindaco si è scusato per conto del ragioniere comunale in merito ai toni alti utilizzati nella seduta pubblica online del Consiglio Comunale del 19 novembre scorso elogiando l’intero operato dei suoi colleghi amministratori e di tutti i tecnici comunali.

In attesa dell’esito del ricorso del Comune di Stornara, si riporta di seguito la versione integrale della Deliberazione n. 158 /2021/PRSP emessa dalla Corte dei Conti:

Deliberazione-Corte-dei-Conti-158-2021-PRSP-Sezione-Regione-Puglia

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi