AGI – Il tribunale di Ancona ha accolto il ricorso d’urgenza presentato dalla madre di un dodicenne, il cui padre era contrario al fatto che il figlio si vaccinasse.

Il minorenne era favorevole, ma i suoi genitori avevano pareri diversi e per frequentare la scuola si sottoponeva al tampone.

Hanno deciso i magistrati, scrivendo nel decreto collegiale che “il rifiuto posto dal padre deve ritenersi in netto contrasto con la volontà del figlio, ma anche non conforme alla necessità di salvaguardare la sua salute psicofisica”.

Tra le motivazioni, i giudici hanno fatto riferimento anche al rischio di “pregiudizievoli limitazioni” alla vita del minorenne, anche alla luce del sempre più diffuso obbligo a presentare il Green pass per entrare nei luoghi ricreativi al chiuso.  

Fonte: Agi.it

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi