Per il Primo Cittadino, Rocco Calamita, ieri 25 settembre 2020 “? una giornata importante per il futuro culturale di Stornara. Siamo a Matera, con una delegazione di amministratori e rappresentanti delle associazioni, per incontrare i dirigenti della Fondazione #Mateta19 per mettere a sistema e condividere le best practices dei principali eventi artistici e culturali dei nostri due comuni…Oggi Stornara pu? ambire al riconoscimento di citt? degli artisti, solo lavorando in rete possiamo ottenere questo ed altri risultati…La Rete fa la forza!”.
Incontro associazioni Matera

Calamita, La rete fa la forza

Diverso ? il punto di vista di un rappresentante di una delle associazioni sul territorio che si sente a tratti “disconnessa” da quella Rete promossa dalle Istituzioni e dai colleghi delle altre realt? associative, non a caso la sua associazione ? stata esclusa dal suddetto incontro. Un post, il suo, che ha preceduto di poco quello del sindaco: “Sarebbe bello avere delle sedi per le associazioni, per TUTTE le associazioni, che sono una grande ricchezza per un paesino come il nostro e hanno tutte la stessa importanza e le stesse potenzialit? e che se fossero supportate tutte allo stesso modo (senza pregiudizi), potrebbero rendere davvero speciale il nostro paesino… Come si fa a dire ai figli che la realt? ? fatta di interesse, che si fa tutto per un tornaconto? Come dici loro che la pressione e la gioia che noi in famiglia mettiamo nel fare qualsiasi cosa, una festa, un invito, un evento, il lavoro, anche quello che si fa per il paese, altri lo fanno solo per avere un tornaconto personale (tranne pochi casi)?”.
Rapporto tra associazioni, post di sdegno

Non ? la prima volta che qualcuno denuncia pubblicamente il trattamento differente tra un’associazione e l’altra da parte di chi ci amministra al contrario di quanto si sostiene in campagna elettorale. 
Non ? la prima volta che un rappresentante di qualche associazione ricorda che le parole su facebook non rispecchiano quanto concretamente accade sul territorio. Non ? certamente gratificante vedere associazioni vicine all’amministrazione ottenere fondi e strumenti utili ad operare, ANCHE nell’interesse dei cittadini, e tutte le altre nemmeno vengono convocate in attivit? formative. Ieri a pagare pegno ? toccato ai Giovani per l’Europa, La Voce delle Donne e a CittadinanzAttiva.
Sono anche lontani i tempi di chi attraverso i social ne prendeva le distanze da questo modus operandi solo perch? ne ? diventato parte integrante!
Potr? mai cambiare qualcosa? Per ora confidiamo nella speranza, che ? l’ultima a morire, e in chi in questo paese, nonostante tutto, resta ancora “Signore” anche nel messaggio conclusivo in un post di sdegno:”Anche se qualche volta nel vedere le cose che non vanno mi arrendo, incoraggeró sempre i miei figli a credere che si pu? lavorare per far cambiare le cose in meglio.“.

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi