Si ? tenuta stamattina presso l’aula consiliare del Comune
di Stornara la presentazione dello Sportello Telematico Polifunzionale, un
nuovo strumento Smart messo a disposizione per l’intera comunit?.

Un altro servizio voluto da tutti tranne che dai cittadini…la normativa vigente
lo impone (cos? dicono)! La scarsa partecipazione degli stessi all’evento ne ?
stata la conferma.
Qualche anno fa Morandi cantava “Uno su mille ce la fa”. Escludendo gli addetti
ai lavori c’era appena 1 millesimo dei nostri compaesani. E’ risaputo comunque che
i cittadini non cercano servizi digitali ma meno tasse, nonché pi? “soldi”…magari
un rimborso su quanto versato in Tari nel dicembre scorso!

Dopo i saluti del Primo cittadino, Rocco Calamita, c’? stata l’introduzione
dell’assessore Roberto Nigro. Subito dopo Salvatore, non Aranzulla, ma l’ing.
Pizzi (responsabile UTC) ha illustrato le modalit? di accesso ai servizi
comunali attraverso gli strumenti digitali. Basta “semplicemente”:
1) munirsi di PEC (posta elettronica certificata);
2) munirsi di SPID (identit? digitale);
3) attivare la carta nazionale dei servizi (tessera sanitaria) recandosi ad
Ortanova alle 16.00 del martedi pomeriggio, facendo riferimento alla sig.ra
Stella Grieco;
4) munirsi di firma elettronica;
5) accedere ai servizi digitali comunali attraverso il seguente portale: https://sportellotelematico.comune.stornara.fg.it/
6) inviare e ricevere in maniera digitale qualsiasi documentazione legata alla
propria persona e/o al proprio business;

La PEC, lo SPID e la firma elettronica sono dei servizi che possono essere
acquistati online, es. attraverso https://www.pec.it/

Tra i servizi offerti, c’? anche la possibilit? di effettuare segnalazioni di
qualsiasi tipo…anche se a Stornara mancano le azioni concrete su quanto gi?
segnalato e risegnalato negli anni attraverso gli altri canali sicuramente meno
macchinosi. Primo tra tutti, il gruppo facebook Stornara Life:
1) accessibile e consultabile gratuitamente senza l’obbligo di registrazione;
2) in linea con il GDPR e lo status “omertoso” dello stornarese medio…infatti
alcuni per dire la propria si espongono attraverso profili falsi;
3) immediato e a tratti efficiente oltre che istruttivo;
4) oramai internazionale: nel 2018, grazie a “Stramurales”, si e’ fatto
conoscere anche oltreoceano! Qualcuno dice che da allora ci seguono anche gli
aborigeni.

Ma quanto ci costa lo Sportello Telematico Polifunzionale? Meglio pensare a
quanto possa essere comodo e produttivo per il cittadino interagire, da
qualunque posto in cui ci si trovi, con gli uffici del Palazzo di Citt?,
evitando perdite di tempo e arrabbiature varie recandosi invece fisicamente.

Lo step successivo sar? quello di promuovere meglio questo nuovo servizio Smart
invitando piu’ cittadini ad un prossimo incontro.

Si ringrazia l’ing. Salvatore Pizzi per la chiarezza, disponibilit? e
professionalit? mostrata…come anche l’assessore Roberto Nigro e il nostro sindaco
Rocco Calamita.

https://www.facebook.com/groups/stornaralife/permalink/624100998037184/

 

Altre note non riportate

A Carapelle e’ bastato un nuovo di WhatsApp, e nel giro di
qualche gg sono stati assicurati dei vandali alla giustizia.

Davvero dobbiamo fare sempre la gara a chi ce l’ha pi?
lungo!

Nessun’altra amministrazione nei dintorni ha qualcosa di
simile…chiss? perché!

Se a carnevale ogni scherzo vale, allora i ns
amministratori ci sono riusciti lanciando questo nuovo strumento a ridosso di
questa ricorrenza.

Uno strumento digitale inutile se si pensa che fino a
ieri, alcuni cittadini e amministratori apparentemente “smart” erano
convintamente scettici nei confronti degli strumenti social/digitali (la
trasparenza pu? sempre attendere per chi viene dopo). Infatti veniva ribadito
in pi? occasioni  che qualsiasi
segnalazione o problema doveva essere affrontato in maniera diretta negli
uffici competenti. E oggi quei stessi concittadini si mostrano fieri di quanto
e’ stato realizzato. Da giorni si parla di corsi di esorcismo da far seguire agli
insegnanti, includiamo anche chi gestisce la spesa pubblica?

Come fa a funzionare in un paese omertoso uno strumento
che ti obbliga ad utilizzare l’identit? digitale che mostra in chiaro i propri
dati personali?

Non ho perso tempo nel segnalare quanto gi? noto da tempo
ai ns amministreatori attraverso le altre fonti digitali…ma si sa che loro
osservano ma non leggono!

E le email istituzionali dei vari uffici comunali che fine
hanno fatto? Hanno dimenticato la password e non e’ prevista la procedura di
recupero/cambio?

Ok per i professionisti…ma non c’erano gi? i loro canali
preferenziali?

L’amministrazione che non deve chiedere mai! Il nuovo
spot…

Spid: per i giovani un nuovo strumento da sballo per il
sabato sera…per i pi? longevi, un nuovo farmaco per la pressione acquistabile
online senza prescrizione medica.

Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi