Ieri 12 dicembre, presso il Comune di Stornara, il rag. Dinichilo
Vito motiva privatamente nei suoi uffici al sig. Signoriello Antonio le ragioni
legate all’ultimo avviso di pagamento ricevuto qualche giorno fa dai cittadini
di Stornara, una batosta per molti, a pochi giorni dal Santo Natale.
Disorientati, in molti sono ricorsi presso le associazioni locali: “Stornara
Life”, “Cittadinanzattiva” e “Stornara in movimento”!

Nessuna risposta sul perché i cittadini non siano stati “preparati” in merito a
questo conguaglio/saldo di fine anno che va dal 50 all’80% rispetto a quanto
gi? ricevuto nel febbraio scorso. Unica traccia la si trova nell’avviso di
pagamento del febbraio scorso in cui si fa riferimento ad un Piano Economico
Finanziario da approvare nei mesi successivi specificando “ove si verificassero le condizioni, sar? recapitata apposita
comunicazione con l’indicazione di quanto eventualmente ancora dovuto quale
saldo T.A.R.I.
”.

Sul lungo silenzio pubblico nei confronti dei contribuenti in cerca di risposte,
si ? limitato a dire “ma io e il sindaco, essendo un’amministrazione pubblica,
non stiamo su facebook” aggiungendo inoltre che quanto sollevato sui media
locali non sono altro che “barzellette”. A tratti ? venuto il dubbio a Signoriello
che non ci stesse nessuno nemmeno nell’ufficio di competenza considerando
l’assenza di risposta alla sua e-mail di chiarimenti del 06 dicembre 2018. Eppure
nell’avviso di pagamento ricevuto ? ben chiaro che qualunque chiarimento pu?
essere richiesto anche via e-mail. Dobbiamo iniziare a pensare ad un
declassamento, da amministrazione “Smart” a quella “analogica”?

Nel primo avviso di pagamento ricevuto ad inizio anno si specifica che le
tariffe applicate nel 2018 corrispondono alle stesse dell’anno precedente.
La causa principale del conguaglio/saldo ? legata al fatto che lo sversamento
dei rifiuti raccolti nei 9 comuni del consorzio viene fatto a Grottaglie(Ta), a
circa 230 km da Stornara(Fg), il tutto stabilito dal commissario ad acta della
Regione Puglia nominato dopo la saturazione del quinto lotto presente a Cerignola(Fg),
facendo lievitare i costi fissi.
I costi variabili, quelli applicabili da parte della ragioneria comunale, sono ridotti
ai minimi sindacali. Ad esempio su una bolletta di 315 euro, la quota variabile
ammonta di appena 15 euro.
Non ci sono altre spiegazioni oltre questa secondo il rag. Dinichilo!

L’avvio della differenziata al 1° giugno 2018 annunciato attraverso la delibera
n° 7 del 28 marzo 2018, avvio mancato, non pu? considerarsi la causa di questo
aumento. A detta del rag. Dinichilo, fosse partita la differenziata i costi
sarebbero stati ancor piu’ alti avendo optato per la soluzione porta a porta.
Quindi l’incremento dei costi in delibera ? servito solo a pareggiare l’incremento
dei costi di discarica.
Nel mentre, si spera nell’ultimazione immediata del sesto lotto a Cerignola in
modo da riuscire ad attivare subito la differenziata porta a porta,
ripristinando quindi lo sversamento a 15 km senza subire ulteriori aumenti in
futuro.

Sull’impossibilit? di rateizzazione, il rag. Dinichilo precisa che entro l’anno
deve far andare quelle somme in bilancio a copertura, ? stata quindi esclusa
qualsiasi modalit? di rateizzazione considerando l’imminente chiusura dell’anno
corrente. Il cittadino, per questo “tecnicismo”, pu? adeguarsi oppure pu?
rimandare di qualche settimana il pagamento presentando l’istanza di rateizzazione
presso lo stesso ufficio tributi. In merito a quest’ultima scelta, nonostante
l’imminente scadenza riportata nell’avviso di pagamento(16 dicembre), la
ragioneria comunale si mostrer? molto flessibile, accogliendo quindi
l’eventuale istanza.

Riconosciuto da parte del rag. Dinichilo l’assenza di qualsiasi dettaglio sulle
nuove cifre richieste, solo un generico “i
costi di esercizio relativi al corrente anno sono risultati superiori a quelli
sostenuti nel corso dell’anno precedente…ragion per cui si rende necessario
l’emissione della presente bolletta
”, null’altro risulta noto al contribuente.
Anche per questo dilaga il malcontento generale in paese, ancor peggio dietro
la porta dell’ufficio tributo aperto al pubblico solo il luned? e mercoled?
mattina e il luned? pomeriggio, arrecando per molti cittadini perdita di tempo
e ore di lavoro, oltre che tanta agitazione.

Arrivato nella serata di mercoledi 12 dicembre il comunicato da parte del sindaco
Rocco Calamita che esordisce con “Le
polemiche che stanno viaggiando sui social su alcuni giornali locali sugli
avvisi di pagamento recapitati al domicilio dei contribuenti sul conguaglio
TARI 2018 sono del tutto fuori luogo e prive di ogni senso.
”.
Un paese in rivolta da 10 gg per capire ci? che viene richiesto di pagare, per
il Primo Cittadino il problema sono le “polemiche” che viaggiano sui social e
sulla stampa locale da parte di qualche “giullare” della sua comunit?, che
magari rientra in quell’80% di consensi ricevuti nel suo secondo mandato
politico, senza considerare che quelle “polemiche” sono richieste di chiarimento
“Smart” visto che nessuno dagli enti preposti e RESPONSABILI si ? esposto per
le vie tradizionali.
Dopo aver precisato che le ragioni dell’emissione del conguaglio ? legato allo
sversamento dei rifiuti presso la discarica di Grottaglie(Ta), senza far alcun
riferimento alla delibera n° 7 del 28 marzo scorso e all’incremento in atto in
previsione della partenza della differenziata che sarebbe dovuta avvenire al 1°
giugno, ha concluso con una comunicazione di servizio importante: “sino al 20 dicembre l’Ufficio Tributi
amplier? l’apertura al pubblico anche nei giorni di marted? e gioved? dalle ore
9,00 alle ore 12,00
”.
Nessun riferimento sulle cartelle che arrivano a doppio e triplo, o quelle che
arrivano nonostante siano state gi? pagate, oltre quelle che arrivano ai DEFUNTI!
Inoltre ? stato applicato un decreto legge che si rif? sui figli e parenti
conviventi qualora le somme richieste non siano state pagate dall’intestatario
della bolletta…provvedimento non adottato da tutti i comuni!

L’ultimo importante tassello della questione sta nella delibera n° 4 del
26/03/2018 in cui viene scritto: “?
andato ad esaurirsi il lotto 5 della discarica gestita dalla SIA in agro
Cerignola (2016), distante 15 chilometri circa da Stornara, comportando il
conferimento dei rifiuti nella discarica di Grottaglie (TA), distante 230
chilometri
”. Nel primo avviso di pagamento ricevuto dai contribuenti nel
febbraio 2018 ? scritto: “Il Comune di
Stornara da corso alla riscossione della TARI sulla scorta delle tariffe
applicate nel corso dell’anno precedente
”. Il tutto fa quindi intendere ai
contribuenti che il quinto lotto del Comune di Cerignola(Fg) ? stato esaurito gi?
nel lontano 2016, dal 2017 avveniva gi? lo sversamento dei rifiuti presso
Grottaglie(Ta) con annessa tariffa maggiorata, quindi nel 2018 non doveva
avvenire alcun incremento dei costi, tranne appunto mettere in conto l’avvio
della differenziata porta a porta, servizio citato sia nella delibera n° 4 del
26/03/2018 che nella delibera n° 7 del 28/03/2018. Stiamo quindi pagando in
piu’ semplicemente un servizio che non viene erogato: la differenziata porta a
porta?

A prescindere da tutto, Signoriello ringrazia il rag. Dinichilo per la
disponibilit? mostrata, il sindaco Rocco Calamita per il comunicato ufficiale.
I dubbi purtroppo restano! Confidiamo sicuro in “future” cartelle di pagamento
meno “pesanti”, piu’ “parlanti” e in linea con quanto viene deliberato nel
Palazzo di Citt?!

Per concludere, ai contribuenti non resta che pagare quanto richiesto
dall’ufficio tributi, presentando istanza di rateizzazione per chi non riesce
ad affrontare l’intera spesa in un’unica soluzione, o impugnare l’ultimo avviso
di pagamento aderendo ad una class action promossa da diversi cittadini,
rimettendo qualsiasi decisione, favorevole o sfavorevole, nelle mani degli
organi superiori.

Antonio Signoriello


Di Antonio Signoriello

Sono Antonio Signoriello, Blogger ed Esploratore di notizie in rete. "Il blogger è una persona che si occupa di un blog perché qualcuno glielo chiede oppure, ed aggiungerei che sfortunatamente è il caso più frequente, perché nessuno glielo chiede" (Nonciclopedia)

Rispondi